Scritta da: Jim M
Berrò le tue lacrime per farti dormire...
Danzerò sul tuo ventre
nel vedere i tuoi occhi piangere al vento
Volerò nei tuoi sogni...
soffierò sul tuo viso
per far nascere un ingenuo
"puerile sorriso"
Poi una parola, semplice e curiosa
"ti sussurrerò".
Sfiorando il silenzio di un seducente mattino
che come un bambino
accarezza sua madre
sfiora i suoi capelli
e si addormenta "lentamente"
al profumo di una donna
che già ama
"intensamente".
Ed al risveglio
rivedrò in te i suoi occhi
ricorderò il suo affetto
e ripenserò a tutto ciò che ho vissuto...
che ho provato...
che "di lei" ho scordato...
è il mio passato...
che "in te" rivive.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    San Martin da Latisana

    San Martin da Latisana
    dài un bòa-la cjampàna,
    la cjampàna si rompé
    san Martin al si scundé,
    si scundé davòur la puàrta
    al cjàta 'na cjàra muàrta,
    ài taea iò las tetas
    al fàs un pàr trombétas,
    al scomensa a trombità
    a ven dongja las fantàtas a balà.
    Qaulà ì la mé maròsa?
    Marìa snaclaiòsa!
    La pea pal sufet,
    la tira di mulét,
    mulét al va intòr
    e Maria su pal fòr,
    al fòr al fàs un crìch
    e Maria a fàs un sbìt
    ... ta-la cjamésa.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di