Scritta da: Silvana Stremiz
Dis ch'i hann ditt
Dop des ann cal fa al murus
anca al Gildo adess l' spus;
l'ha z fatt la loina ad mel
e ag sa dris da tucca al ciel

Urami pass un mes
e bisogna pag i spes
al fotografo e al sartur,
pranz, biglitt, confett e fiur.

P gh' al pret e gh' i ciarghein,
l'organista e anca al viulein,
gh' al tappeed, i drapp, i cir
e una mancia al campanr.

A la sira in dl'osteria
Gildo l'dis 'na litania:
"Tutt i'hann fatt al s buccon
m' salt qusi un milin!

Asto pret ad la malura
cal ma fatt rast pr'un ura
seimpr in snocc'insim'un banc
l'ha vuri des mila franc! "

Dis al Poldo: "al d d'inc
ttt i'enn bon da catt s...
Me cunuss alm che un pret,
qual da mtt al fg in lett!

Con dill mss e benedission
i fann s di gran milion
it fann crd cl' pr'al Signur
lur intant i fann i siur

Al noss pret al g'ha tant sood
c'an so gnan ma 'llia fa a good
al va in banca ogni lnd
con la bursa, l'ho vist me"

Dis al Berto: "Dis ch'i ann ditt
ca ttt i'ann ig dann l'affit,
parch al g'ha d o tre pussion
c'anca le 's tratta ad milion.

L'ha fatt s una grossa ciesa
cla gnar chi sa che spesa...
Dis per ca 'sti plan plan
ag i'ha datt al Vatican!

In canonica dop seina,
al noss pret l' l in cseina
cal f s di gran pacctein
e al suspira pian pianein:

"Ttt des franc! Gh' qusi gnint,
i'enn ttt picc adess la gint;
i g'hann miss anca un gettn,
Veh! Che roba, anca un buttn!

Filomena par piaser,
rompa z al salvadanr;
fatt i coint. Ho vist c'am manca
tarseint franc da purt in banca"

La matteina dal lnd,
dop la mssa e un gram caff
con la bursa sutt al brass
al va in banca... 'sto siurass!

"Ragiuneer, ho purt al pacc,
ad des franc chem ag n' un sacc!
Cal sa fagga s i barbiis,
parch al g'ha da divertiis.

Ho vd la m casstta
e anca inc sum in bulltta;
per, insumma, bein o ml,
ho pag anca 'sta cambil".
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: *marta*
    L'apnea la mia vita.
    il volo silenzioso e solitario
    Nell'abisso blu cobalto.
    L'attimo interminabile sul fondo,
    in attesa di magici incontri.
    l'avventura esclusiva in cui ritrovo
    Ogni volta una parte di me stesso
    Che credevo perduta
    E mi fa sentire un po' speciale.
    lo slancio verso quel mondo duro e leale
    Che io, uomo, voglio conoscere
    Ma non posso sfidare.
    complicit con la mia attrezzatura,
    costruita, curata e vissuta con gelosia,
    che mi accompagna in quel mondo altrimenti inaccessibile.
    L'apnea la prova della mia forza,
    del mio coraggio, della mia curiosit,
    del mio rispetto per la natura.
    severa disciplina ispiratrice
    di profondi valori, per me
    e per tutti quelli come me che vivono
    nel sogno di una straordinaria dimensione...
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di