Scritta da: Elisabetta

Il girotondo delle maschere

È Gianduia torinese
Meneghino milanese.
Vien da Bergamo Arlecchino
Stenterello è fiorentino.
Veneziano è Pantalone,
con l'allegra Colombina.
Di Bologna Balanzone,
con il furbo Fagiolino.
Vien da Roma Rugantino:
Pur romano è Meo Patacca.
Siciliano Peppenappa,
di Verona Fracanappa
e Pulcinella napoletano.
Lieti e concordi si dan la mano;
vengon da luoghi tanto lontani,
ma son fratelli, sono italiani.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Giornate grigie, rianimano trascorsi sentimenti,
    bagnano di malinconica tristezza ogni parte dell'essere,
    come stagioni piovose sull'incontaminate terre selvagge;

    Terre pure ed immacolate,
    come la tua pelle mai sfiorata;
    il ritmo dei tuoi sospiri, antiche danze di tribù dimenticate;
    ridenti parole, calde come il sole di campi estivi, macchiati dal rosso dei suoi dolci tulipani.

    Un cielo terso privo di pensieri;
    una calda coperta, che asciuga il fradicio cuore annegato, nel triste inverno di questa mattina.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      Se ti chiedo
      un bacio
      tu
      cosa mi dici?
      L'altalena potrebbe piacermi...
      e potrebbe piacere anche a te.
      Se si unisse
      il bianco e il blu...
      Se i baci diventassero trecentotrentatré
      e ci facesse compagnia
      una notte di marzo...
      Le ore potrebbero fermarsi.

      E se le mani
      curiose
      decidono di disegnare...
      tu
      cosa fai?
      Il freddo potrebbe mischiarsi al caldo...
      e il bianco si unirebbe al blu
      di nuovo...
      E se i corpi
      si muovono da soli...
      Il mio balla sul tuo...
      tu
      cosa mi dici?
      Il ghiaccio potrebbe sciogliersi...
      potrei dissetarmi.
      E l'Anima mia
      ruberebbe la tua.

      E se alla fine
      tu
      mi chiedessi un bacio
      io
      cosa faccio?
      Le bocche sarebbero vicine
      e le lingue potrebbero parlare...
      Potrei stare ad un centimetro
      da te...
      e sentirti respirare...
      Nel frattempo
      si gela.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di