Scritta da: NikkiPinki
Soliti silenzi
lasciano
brividi
sulla pelle
anche se oggi
c'era il sole...
Dovrei far finta di nulla
e capire...
Capisco.
Capisco che sono dieci
Capisco le diversità
Capisco le paure
il poco tempo
e le volte in cui si muore un po'
e capisco
anche il colore di quegli attimi
in cui sei stato mio...
Ma ora...
non esisti...
non esiste quella voce
che mi piace tanto
non esistono parole
scritte ed immagini rubate
non esistono telefonate silenziose
e la buonanotte alle cinque del mattino...
Credevo fossi mio
mi sbagliavo
Credevo che mancasse poco
che saresti arrivato...
lo credevo
mi sbagliavo.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di