Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Ishak Alioui
Ci sono momenti nella vita
che non vuoi dimenticare,
altri che non vorresti lasciar andare,
ma non una vita tanto lunga
la memoria non si prolunga.
Cogli l'attimo importante
e quello poco rilevante,
cogli di tutto un po' di tutto
anche quando hai rimosso con lo stucco,
e se poi avanza qualcosa
metti il pensiero che nessuno osa.
Anche se stupido o imbarazzante,
se per te quel momento è importante
sarà di certo rilevante.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: NikkiPinki
    L'altra notte
    ho dormito per otto ore
    e mio padre
    non è venuto più a trovarmi...
    e che avrò fatto mai?
    Faccio quello che dicevi tu...
    ti ricordi?
    Potrei anche chiederti
    un passaggio...
    al liceo venivi spesso a prendermi.
    La tua patente
    è
    accanto alla mia
    nel portafogli
    sembri James Dean su quella foto...
    e tutti dicono che ti somiglio...
    e tu da lassù?
    Che fai?
    Fumi ancora?
    E le mani?
    Hai visto...
    finisce che poi ti penso
    e nelle vene
    scorre sangue
    e lacrime
    e finisce
    che ti vengo a cercare...
    e non so se il navigatore
    da quelle parti
    funziona
    eh sì...
    finisce che poi
    devo dirlo per forza
    che
    mi manchi...
    decisamente.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      Il tuo nome
      scrivo
      e non conosco confini,
      i tuoi... sì,
      i confini tuoi... non li ho mai visti.
      Dipingo il tuo volto
      di blu e d'argento...
      e non conosco confini,
      i tuoi desideri...
      li accarezzerei volentieri
      li accosterei ai miei...
      per farli diventare una cosa sola,
      eh sì
      una
      cosa
      sola...
      i desideri tuoi sui miei...
      La città
      oggi era grigia,
      grigia come te,
      solo gli occhi erano blu...
      quelli sempre,
      quelli ovunque,
      e la voce sembrava di vetro...
      tre volte.
      E tra la gente...
      tra occhi curiosi...
      ti pensavo...
      Ho deciso:
      ultima fermata,
      il treno
      l'hai perso
      (punto)
      forse.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: NikkiPinki
        Pensavo
        che potremmo andare a New York a giugno...
        oppure alla casa al mare...
        fare tutti i giorni l'amore...
        e morsi di nuvole...
        sei volte
        oppure dieci...
        il letto
        il muro
        la scrivania e il comodino...
        il divano
        il tavolo
        la vasca e la lavatrice...
        la sabbia e il mare
        la barca
        la macchina
        il parcheggio
        e la casetta abbandonata...
        Pensavo
        che se fossi qui
        lo farei...
        ora
        oggi
        e ancora.
        Vota la poesia: Commenta