La solitudine

Mi sveglio come ogni mattina...
apro gli occhi
una luce intensa penetra attraverso la tenda...
la sposto
guardo fuori
vedo il magnifico mondo che Dio ha creato per noi.
Gli alberi, il sole, l'aria che riempie i nostri polmoni.
Sono felice perché è cominciato un nuovo giorno...
di colpo però sento un brivido lungo la schiena
che scorre nel mio sangue fino ad arrivare al mio cuore... capisco che è lei...
l'indesiderata compagna della mia vita quotidiana...
la Solitudine.
Come ogni mattina si presenta davanti a me...
dentro me...
per ricordarmi che sono solo.
La solitudine è fedele ma è malvagia.
La solitudine è tranquillità ma è tristezza.
Ti penetra all'interno e non ti lascia.
Come la famosa sanguisuga che attaccata al corpo succhia il sangue prezioso,
così la solitudine fa con noi...
pian piano succhia l'anima e la gioia di vivere che ci è stata donata dalla nascita.
Cosa fare per scacciarla via?
Una domanda difficile ma allo stesso tempo semplice.
Bisogna trovare una persona che ti dia amore...
una persona a cui tu puoi donare tutto l'amore che hai trattenuto nel tuo cuore nei momenti bui.
Questa è l'unica soluzione.
Purtroppo però non è facile trovare questa persona e credetemi lo so.
Ma dobbiamo essere fedeli... attendiamo in silenzio il nostro destino e aspettiamo con fervore che un'aiuto dall'Alto ci venga in favore.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Bela Iza

    Sonia e Birillo

    Voi, carissimi di Super3,
    ci fate sentire come re.
    Con voi si diverton i bambini
    quelli più grandi e anche i più piccini.
    Siete per noi ragazzi la più bella distrazione,
    staremmo sempre davanti alla televisione!
    Vi guardano anche molti genitori,
    con complimenti e con i più grandi onori.
    Tutta l'Italia vi guarda già,
    siete per noi delle celebrità.
    Vi guardano da secoli, dal lontano Far West,
    Sonia e Birillo... Siete the best!
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sirena ...

      Decisione

      Non mi credere vinta
      sono sempre in declino
      verso la fine di questo amore
      per ricominciare la corsa
      che rallenta il respiro
      e fa esplodere il cuore
      Non ti credere vincitore
      mi hai perso in un attimo
      senza che potrai ritrovarmi
      dopo che hai scritto
      il silenzio che ti riporta
      nel mondo del mio ieri
      Dove non potrà rialzarsi
      la immagine di te
      eroe che respira aria
      e torna invisibile
      come prima di non averti
      Ero io che dettavo le regole
      perché di me hai avuto solo ciò che io ho deciso...
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di