Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: xego
Lontano il suono di un flauto
lieve e delicato
porgo l'attenzione
e sono preso
la melodia si fa più intensa
più vicina
e divenne stridore di cozzaglie
sempre più forte
sempre più assordante
non mi riesce di fuggire
ovunque mi avvolge
e divenne urla di dolore
di paura e di disperazione
poi silenzio
sono di nuovo solo
in mezzo ad un deserto
ogni volta più vuoto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: rosa rossa

    Angelo di Dio

    Angelo di Dio che sei il suo custode
    proteggi mio figlio in questo lungo cammino
    nel buio delle tenebre lui è sprofondato
    ma con l'angelo vicino il coraggio ha ritrovato.
    Gli angeli due ali hanno, ma per un po' tu
    lo hai abbandonato
    perché con il suo male lui l'ala ti ha spezzato.
    Hai parlato con il signore di questo mio figlio ammalato di questa malttia che Droga vien chiamata
    il signore ti ha guarito, l'ala non è più spezzata,
    ritorna da Mio figlio Angelo di Dio proteggilo consolalo digli che la sua mamma non lo ha mai abbandonato.
    Vota la poesia: Commenta