Scritta da: SpaceOddity

Liberami

Non avrei voluto intrappolarmi in te,
non avrei voluto essere legata a te.
Sei il mio sole nelle giornate uggiose,
Sei la mia pioggia nelle giornate di luce.
Sei il mio sentiero, il mio percorso, il mio bosco incantato
che percorro ogni giorno nel buio o nella luce, da sola
con me e me.
Sei il primo pensiero, prima di ogni cosa.
Sei l'infinito in me.
Tempo interminabile a pensarti,
immaginarti ovunque.
Sei quello che non avrei voluto mai tu diventassi per me.
Non avrei mai pensato fossi entrato così nella mia esistenza,
nel mio animo, in me, nei miei pensieri.
Se il Padrone di me stessa.
Liberami.
Anonimo
Composta venerdì 2 ottobre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Consuelo

    Parigi mercenario boulevard

    Non ti ho mai amata Parigi arrogante e perbenista,
    brulicante di ricchezza sbandierata pietre luccicanti
    e miserie nascoste, anime dannate che fingono in
    lussuose maison in riva alla Senna,
    case lussuriose e in squallidi locali.
    Parigi di notte ai limiti dell'ardore,
    falsamente pudica... e vergognosamente esibita.
    Silente e monotona... chiusa nel suo oblio,
    ai confini della sua tristezza.
    È di te Parigi che quando parlo mi commuovo,
    mi altero, per poi trovare pace.
    Parigi mercenaria e disillusa, amante e consigliera,
    bigotta e trasgressiva, gaia e nostalgica,
    frenetica e pacifica, nobile di gusto,
    e miserabile di gesti.
    Parigi a te che io non ho mai regalato rispetto,
    pensieri o parole,
    a te che ho tolto dai miei occhi,
    cancellato dai pensieri
    che ho guardato con tristezza e orgoglio smisurato,
    Parigi a te che io non ho dedicato molto,
    Se non per deriderti e sottolineare i difetti,
    Dimora di sciocchi barboni e furfanti,
    che ti tolgono il respiro e ti offrono il tormento,
    instupidita dal corteggiamento turista,
    da quello che gli occhi stranieri annullano,
    io ti vedo in profondità.
    Sorridente a contemplare le tue glorie, madame,
    come una matrona ti offri a tutti.
    Il cliente più danaroso è quello che ti aggrada,
    lo appaghi senza stenti,
    per lui cedi il tuo rispetto, per lui celi il mistero,
    adesso sei semplicemente bella.
    È questa Parigi, adorabile ribelle senza freni
    e senza lotte, preda di colori e superbe meraviglie.
    Parigi nuda e defraudata,
    indifesa e cristallina, generosa negli affanni.
    Parigi chiassosa e persa nei tuoi silenzi,
    desolata e poi piangente, così mi appari tu,
    e senza offenderti o sentirti vittima scegli di sorridermi,
    vuoi ancora offrirmi un po' di te,
    unica e magica come sei.
    Tre monete sfiorano le acque della Senna,
    questo è il tuo prezzo,
    madame anche io ti ho avuta.
    Anonimo
    Composta sabato 26 settembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Laisa

      Fuochi d'artificio

      Cos'è che ci fa stare lì
      con il naso all'insù... a guardare?
      Incantati da quello spettacolo
      così artificioso
      e banale
      se ci pensi

      ricordo che quella sera
      mi stava scoppiando la testa
      non so perché ero uscita
      stavo poco bene
      ah mento a me stessa... lo so il perché
      anche io volevo... guardare!
      Bang bang bang
      tante piccole martellate
      mi scuotevano la mente... i pensieri
      arrivavano dal cielo
      eppure io stavo ancora li
      affascinata
      le accoglievo...
      nessuna difesa
      entravano dentro di me
      uccidevano lentamente la mia ragione

      una moltitudine di colori
      esplodevano nella scura volta celeste
      senza stelle

      come piccole luci giocose
      brillavano
      che meraviglia!
      Un solo boato
      l'arrivo e l'annuncio
      la loro dipartita
      luci che si spengono
      cosa rimane nel buio
      se non una coltre di fumo?

      Mentre il nostro cielo
      perde nuova parte della sua bellezza
      noi stiamo lì a guardare
      affascinati
      l'incredibile grandezza
      o stupidità dell'uomo?

      Ricordo che quella sera
      nonostante tutto
      non volevo tornare a casa
      cercavo di ritardarne il momento
      anche se... il mal di testa aumentava
      assurdo no?
      Ma questa
      è un'altra storia!
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di