Scritta da: Sarah Sullivan

L'Amor mio

Trascino stanca un passo liso
spaventata
incerta
in cerca del tuo viso.

Interrogativi fioccano nel mio pensiero
cercando te
ormai perduto
per ritrovare chi ero.

Sorrido a volti sconosciuti
bagnata di speranza
delusa
aspiro ai tuoi occhi sperduti.

Il mio cuore sobbalza
un vento gelido
Tu con lei
vola via la speranza.

Vorrei piangere amore
smarrita l'anima
un tonfo
lacrime bruciano il cuore.

Seduto dinnanzi al mio tormento
sincera
Amore mio confido
il dolore di quel Sentimento.

Il tuo volto pietrificato
parlami Amore
confidami ti prego
e cadi in cerca di significato.

Dolce Amor fuggente
non esiste tempo
non compare spazio
io vivo ancor di te.

Il nome tuo grida la notte
in silenzio
tra parole indecise
una tempesta quieta di note.

Cogli il mio Amor ritorto
luce della sera
porgilo a Lui
così, sola, cerco il tuo conforto.
Anonimo
Composta mercoledì 21 ottobre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Ragazzo che vaghi per il mondo come un vagabondo
    con la chitarra a tracolla
    cammini senza mai stancarti
    ti fermi un po' sui campi
    canti canzoni d'amore alla luce del sole
    ti siedi sui gradini corrosi del tempo a far collane con fili d'argento
    ti piace essere libero su questa terra
    ami la pace ma disprezzi la guerra
    ma un giorno hai deciso di bucarti la pelle
    ti han fatto coraggio la luna e le stelle
    nuove emozioni hai voluto provare
    ma l'ultimo buco ti ha fatto morire
    le tue canzoni non hanno più amore
    le tue collane non hanno più colore
    la libertà è una bella cosa
    ma tu l'hai perduta con l'ago e la droga.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di