Scritta da: syria 76

Ninna nanna

Dormi dormi mia bambina
fai la ninna, fai la nanna
tra le braccia della mamma
che ti guarda con amore.
Una lacrima di gioia il mio viso solca,
quanto sei bella!
Sei la mia vita, vivo grazie ad ogni tuo respiro,
ad ogni tuo sorriso,
ad ogni tuo piccolo passo.
Con te sono ritornata bambina,
con te crescerò e donna diventerò.
Vorrei regalarti un mondo di gioia e felicità
ma so che così non potrà essere...
avrai anche tu momenti più o meno buoni
ma non aver paura: io ci sarò.
Piangerò e gioirò con te,
ti prenderò per mano e ti sorreggerò
come adesso, piccola e fragile, tra le mie braccia fai la nanna.
Dormi dormi mia bambina
fai la ninna, fai la nanna
c'è la mamma che ti ama...
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: syria 76

    Ho visto

    Ho visto una bambina
    correre incontro al suo papà, felice, intrepida e spensierata.
    Ho visto quella bambina
    crescere, sognare, piangere.
    Ho visto quella bambina
    lottare per amore, per i suoi sogni
    contro il destino.
    Ho visto quella bambina
    già donna.
    Ho visto quella donna
    con una vita nuova:
    quella che voleva.
    Ho visto quella donna
    guardarsi intorno: è soddisfatta.
    Ho visto quella donna
    desiderare un'ultima cosa,
    la più grande:
    la felicità di chi le sta affianco.
    Ho visto quella donna
    che giorno dopo giorno
    lotta per la felicità...
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: syria 76

      Sole di vita

      Un mattino come tanti, svegliandoti,
      senti il rumore della pioggia battente.
      La prima cosa che pensi
      è di rimanere al caldo sotto le coperte.
      Ma i rintocchi dell'orologio
      ti ordinano di alzarti...
      Guardi il cielo: tutto grigio.
      Ti guardi dentro: tutto grigio.
      Ti ribelli... è il sole che cerchi,
      un solo piccolo raggio
      che ti riscaldi il corpo e l'anima.
      Sai che c'è.
      E lo trovi lì,
      adagiato sul fondo della tua anima,
      è infuriato con te e ti assale dicendoti:
      "Smettila, sei tu che mi hai collocato qua
      nel momento in cui hai smesso di sognare,
      quando hai smesso di guardare con gli occhi dell'amore,
      quando hai smesso di amare!"
      Scoppi in lacrime e, ricordando tempi lontani,
      capisci che ha ragione.
      In quel momento, come per magia,
      appare il sole, raggiante più che mai.
      Se guardi con gli occhi dell'amore
      tutto sarà più bello,
      le ansie e le delusioni non ti butteranno giù.
      Se ami te stessa è più facile amare gli altri,
      è più facile sentirsi amati.
      Ama, ama, ama e ama ancora, sempre di più
      e il sole sorgerà ogni giorno dentro di te.
      Amore è sole, sole è vita.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Dora
        Un sant'uomo ebbe un giorno da conversare con Dio e gli chiese: - Signore,
        mi piacerebbe sapere come sono il Paradiso e l'Inferno.
        Dio condusse il sant'uomo verso due porte.
        Aprì una delle due e gli permise di guardare all'interno.
        Al centro della stanza, c'era una grandissima tavola rotonda.
        Al centro della tavola, si trovava un grandissimo recipiente contenente cibo dal profumo delizioso.
        Il sant'uomo sentì l'acquolina in bocca. Le persone sedute attorno al tavolo erano magre, dall'aspetto livido e malato.
        Avevano tutti l'aria affamata. Avevano dei cucchiai dai manici lunghissimi, attaccati alle loro braccia.
        Tutti potevano raggiungere il piatto di cibo e raccoglierne un po',
        ma poiché il manico del cucchiaio era più lungo del loro braccio, non potevano accostare il cibo alla bocca.
        Il sant'uomo tremò alla vista della loro miseria e delle loro sofferenze. Dio disse: -
        Hai appena visto l'Inferno. Dio e l'uomo si diressero verso la seconda porta.
        Dio l'aprì. La scena che l'uomo vide era identica alla precedente.
        C'era la grande tavola rotonda, il recipiente colmo di cibo delizioso che gli fece ancora venire l'acquolina.
        Le persone intorno alla tavola avevano anch'esse i cucchiai dai lunghi manici.
        Questa volta, però, le persone erano ben nutrite e felici e conversavano tra di loro sorridendo.
        Il sant'uomo disse a Dio: - Non capisco! - è semplice, rispose Dio, dipende solo da un'abilità.
        Essi hanno appreso a nutrirsi gli uni gli altri, mentre gli altri non pensano che a loro stessi.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di