Questo sito contribuisce alla audience di

Notte

Penetri col tuo taglio velenoso tra le nostre membra;

simile ai tuoi agognati serpenti,
strisciando, cerchi prede
da aizzare a follia.

Maledetta!
Coi tuoi pizzi, le tue lingerie,
le tue suadenti donne.
Lussuriosa e sanguinaria
ci trascini in posti oscuri,
dove levandoci ogni dignità,
ci possiedi come prostitute.

Falsa venditrice di oscure speranze,
lieviti i nostri desideri
col tuo sporco fango.
Usaci sfruttaci e
aspetta la luce;
abbandonaci schiavi,
di viziosi dolori.
Vota la poesia: Commenta