Questo sito contribuisce alla audience di

Agosto 1946

Sono nata al sud
dopo mezzogiorno
quando la luce
è calda,
esagerata,
ed il mare esala
anche dai muri,
dalla strada.
Sono nata il 17 agosto,
anzi, il 18.
Così volle mio padre,
per amore,
mutare il giorno
infausto,
la mia data.
Da allora,
acconto a me,
respira sempre
un'altra.
Ed io,
dall'una passo
all'altra.
E più non so
chi sono io
che passo.
Composta domenica 18 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta

    Orme

    Una notte un uomo fece un sogno.
    Sognò di passeggiare lungo la spiaggia con il Signore.
    In cielo balenavano scene della sua vita.
    Per ciascuna scena notò due serie di orme sulla sabbia:
    una apparteneva a lui e l'altra al Signore.

    Quando gli fu balenata davanti agli occhi l'ultima scena,
    si voltò a guardare le orme
    e notò che molte volte lungo il cammino vi era una sola serie di impronte.

    Notò anche che questo avveniva durante i periodi più sfavorevoli
    e più tristi della sua vita.
    Ne rimase disorientato e interrogò il Signore.
    "Signore, tu hai detto che se io avessi deciso di seguirti,
    tu avresti camminato tutta la strada accanto a me,
    ma io ho notato che durante i periodi più difficili della mia vita
    vi era una sola serie di orme.

    Non capisco perché,
    quando avevo più bisogno di te,
    mi hai abbandonato."
    Il Signore rispose:
    "Mio amato figlio, io ti voglio bene e non ti abbandonerei mai.
    Durante i tuoi periodi di dolore e sofferenza,
    quando vedi solo una serie di orme,
    quelli sono i periodi in cui io ti ho portato in braccio."
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Poetessa innamorata

      Con lui

      Con lui, starei in mezzo ad una tempesta...
      Con lui, starei sotto alla grandine senza nessun riparo...
      con lui, rimarrei immobile all'ipocentro di un terremoto...
      Con lui resterei al centro più caldo dell'inferno...
      e altro ancora, perché con lui tutto ha un aspetto diverso...
      Una tempesta sarebbe soltanto un pizzico di venticello e qualche gocciolina di pioggia;
      La grandine si trasformerebbe in morbidi cubetti di zucchero filato;
      Insieme a lui, un terremoto sarebbe solo una vibrazione leggera,
      un piccolo brivido e l'inferno potrebbe essere paragonato a una casa accogliente
      riscaldata dal dolce calore di un camino acceso.

      Si con lui tutto sarebbe diverso, più bello... lo sarei anche io.
      Composta giovedì 4 marzo 2010
      Vota la poesia: Commenta