Scritta da: giuliettix98

Sospiro raro

Sola nella primavera,
sola nel vento
che mi scompiglia i capelli
Sola nel segreto
che stringo al cuore
Sola, semplicemente sola
in balia dei miei pensieri.

Passo dopo passo
nei ricordi
Sospiro dopo sospiro
nei sogni
Fuggo dalle strade e dalle sue
grida grigie
che mi riempiono la testa.
Guardo il cielo terso
impregnato di un candido
celeste,
intarsiato di nuvole,
luminoso e calmo,
come me.
Respiro quell'aria rara,
passeggio nel silenzio
della bellezza.
Mi sento sola
come vorrei.
Il sole mi riscalda la pelle
il vento la solletica.
I rumori se ne vanno:
non li sento,
anche se ci sono.
Un silenzio che batte il frastuono,
la solitudine a sostituire i pensieri.
Tutto
intorno a me si muove,
ed io resto ferma
davanti al giorno che passa.
Non un alito,
non un sospiro,
nessuna voce
fuori dal coro.

Mi sento sola
come dovrei.
Voglio essere
sola
in quella calda primavera,
senza nessuno
che mi riempie di parole.

Passo dopo passo
nel silenzio,
disprezzando il mondo
che gira veloce.

Mi perdo dentro di lei:
in quella che aspetto da mesi,
nel sabato dell'anno,
nel celeste del suo cielo,
nel verde della sua natura,
nel vento del suo essere.

Cammino nel tuo calmo,
silenzioso,
unico
e raro
sospiro.
Anonimo
Composta mercoledì 28 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta

    Anima nera

    Senti questo odore?
    È solo la pioggia che cade,
    sbatte e bagna questa terra,
    terra sporca e peccatrice,
    complice di queste nere anime,
    anime nere che giocando
    non si accorgono di quanto il loro sorriso può far male,
    e male fa anche questa realtà,
    tra il dubbio e la follia lì c'è la vita mia.
    E piange, piange ancora il cielo
    mentre tu fuggi ma anch'io scappo via,
    via da queste pagine,
    non voglio guardare la mia nera immagine,
    immagine scura perché vuole te anima nera!
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Laisa

      Voglia di evadere

      Guardo la porta di casa mia
      le stesse scale, la stessa via
      persone passano, sorrisi spenti
      ma ti salutano, sono momenti
      ti guardi intorno non vedi niente
      però in realtà c'è tanta gente
      gente che guarda, gente che sente
      pensieri esplodono nella tua mente
      le circostanze sembrano facili
      ma sono vie che si spezzano gracili
      vorrei evadere da questo posto
      dal cielo nero come l'inchiorstro
      fuggire da questa monotonia
      cullarmi nella fantasia
      in sciocchi sogni del mio passato
      che con il tempo ho abbandonato
      dicono che la speranza sia infinita
      ma io non vedo via d'uscita
      ed io mi sento incatenata
      forse vorrei soltanto essere amata.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di