Scritta da: Consuelo

Parigi mercenario boulevard

Non ti ho mai amata Parigi arrogante e perbenista,
brulicante di ricchezza sbandierata pietre luccicanti
e miserie nascoste, anime dannate che fingono in
lussuose maison in riva alla Senna,
case lussuriose e in squallidi locali.
Parigi di notte ai limiti dell'ardore,
falsamente pudica... e vergognosamente esibita.
Silente e monotona... chiusa nel suo oblio,
ai confini della sua tristezza.
È di te Parigi che quando parlo mi commuovo,
mi altero, per poi trovare pace.
Parigi mercenaria e disillusa, amante e consigliera,
bigotta e trasgressiva, gaia e nostalgica,
frenetica e pacifica, nobile di gusto,
e miserabile di gesti.
Parigi a te che io non ho mai regalato rispetto,
pensieri o parole,
a te che ho tolto dai miei occhi,
cancellato dai pensieri
che ho guardato con tristezza e orgoglio smisurato,
Parigi a te che io non ho dedicato molto,
Se non per deriderti e sottolineare i difetti,
Dimora di sciocchi barboni e furfanti,
che ti tolgono il respiro e ti offrono il tormento,
instupidita dal corteggiamento turista,
da quello che gli occhi stranieri annullano,
io ti vedo in profondità.
Sorridente a contemplare le tue glorie, madame,
come una matrona ti offri a tutti.
Il cliente più danaroso è quello che ti aggrada,
lo appaghi senza stenti,
per lui cedi il tuo rispetto, per lui celi il mistero,
adesso sei semplicemente bella.
È questa Parigi, adorabile ribelle senza freni
e senza lotte, preda di colori e superbe meraviglie.
Parigi nuda e defraudata,
indifesa e cristallina, generosa negli affanni.
Parigi chiassosa e persa nei tuoi silenzi,
desolata e poi piangente, così mi appari tu,
e senza offenderti o sentirti vittima scegli di sorridermi,
vuoi ancora offrirmi un po' di te,
unica e magica come sei.
Tre monete sfiorano le acque della Senna,
questo è il tuo prezzo,
madame anche io ti ho avuta.
Anonimo
Composta sabato 26 settembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio D'Amico
    Come mare lasci il tuo sale sulla pelle
    fai sorridere all'orizzonte ogni nuovo giorno
    le prime luci dell'alba

    E rispecchia nelle calde acque di te
    l'ultimo filo di luce prima del calar del buio
    scende e si spegne in te ogni mio desiderio

    Come mare trascini il tuo ricordo dentro
    quei momenti li fermo a guardarti senza capire

    senza capire più cosa dire
    come smettere

    Restare lì muto e immobile
    magari voler raccontarti migliaia di cose
    di come il mondo mio di ogni giorno ormai
    si intreccia con te in ogni istante

    Si può dire tutto o niente
    e tentare di immaginare
    se puoi
    quello che sento poi...

    Le cose più vere non riesci mai a dirle.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta

      Le Quattro Stagioni

      La Primavera è nelle tue gambe:
      flessuose, snelle, nervose;
      sempre scattanti nell'impeto
      del giovanile ardore...

      L'Estate è nella tua bocca:
      sensuale, sorridente, fragoosa;
      caldo invito irrinunciabile
      ad un fremente bacio d'Amore...

      L'Autunno è nei tuoi occhi:
      sapienti, furtivi, ammiccanti;
      capaci di far ricordare sensazioni
      dimenticate nel tempo...

      L'Inverno è nei tuoi capelli:
      imbiancati, fruscianti,
      vaporosi;
      accarezzati in una dolce promessa
      di eterna devozione.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta

        Io sono così...

        Mille pensieri affollano la mente,
        le gioie di ieri, si mescolano all'amarezza del presente.
        Eppure tanto ho lottato e tanto ho costruito,
        un'amicizia sincera le ho dato, perché allora mi sento tradito?
        Certo, che ingenuo, anche lei, come le altre persone,
        vicine nel bisogno, per il resto sei un coglione!
        Non sono servite le lezioni avute in passato,
        chi è troppo buono, viene sempre e solo usato.
        Che tristezza, che delusione,
        il mondo cambia, ma non le persone.
        All'amicizia ho sempre dato un gran valore,
        ed eccomi ancora, a cucire ferite nel mio cuore.
        Prenderò ciò che di buono mi è stato dato,
        avanti il prossimo, sono qui, pronto ad essere fregato.
        Una vita non mi può cambiare, i sentimenti li vivo fino in fondo,
        dell'amore ne ho sempre da dare, di certo, non sono l'unico al mondo...
        Anonimo
        Composta giovedì 16 giugno 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di