La vita

Ti senti sola, afflitta,
Accanto a te solo persone inutili
Ti stanno accanto per qualche giorno, e poi?
Chi li vede più!
Sola, in una piccola casa sparsa nel mondo...
Sola, perché hai perso metà parte del tuo cuore,
Una luce che adesso si trova in cielo
E che splende ogni sera
Illuminandomi gli occhi tristi
Nella quale si riflette la luna
Che si prenderà cura della mia stella
ogni giorno, ogni secondo
Per tutta la vita, fino a quando sarò pronta
Per partire in un viaggio magnifico
Che mi porterà in un mondo
Dove tutti noi speriamo di andare...
Sì... nel luogo che tutti, o quasi vogliamo raggiungere...
La vita bisogna godersela al massimo,
Si conosce il dolce, l'amaro,
La vendetta, la gelosia, l'amore,
Persone buone, cattive, presuntuose...
A tutti noi almeno una volta nella vita
Avremmo voglia di andarcene,
Lasciare questo mondo e lasciarci tutto alle spalle...
Ma una cosa vi devo dire: è veramente la cosa giusta da fare?
Io ho appena perso parte della mia anima,
Una parte che mi è stata vicina per 10 anni...
10 anni bellissimi che rimaranno vivi nel mio cuore...
Non tutti abbiamo la forza di reagire alle cose brutte
Che accadono in questo mondo...
Ma bisogna reagire! Stare in piedi,
Affrontare tutto quello che ci spaventa,
Anche se tavolta è molto difficile...
Amici, parenti, amori e persino il vostro animale o pupazzo...
Fatene gioia e teneteli stretti per non farveli scappare
Si vive solo una volta nella vita
E ad ogni sbaglio non cercare l'errore ma il rimedio!
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Giornate grigie, rianimano trascorsi sentimenti,
    bagnano di malinconica tristezza ogni parte dell'essere,
    come stagioni piovose sull'incontaminate terre selvagge;

    Terre pure ed immacolate,
    come la tua pelle mai sfiorata;
    il ritmo dei tuoi sospiri, antiche danze di tribù dimenticate;
    ridenti parole, calde come il sole di campi estivi, macchiati dal rosso dei suoi dolci tulipani.

    Un cielo terso privo di pensieri;
    una calda coperta, che asciuga il fradicio cuore annegato, nel triste inverno di questa mattina.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Venere
      Ho voglia che i tuoi fugaci abbracci diventino qualcosa di più serio ed esplicito.
      Ho voglia che i tuoi occhi mi guardino come non hanno mai fatto e che mi facciano capire quello che provi.
      Ho voglia che col tuo sguardo tu possa entrare nel mio cuore e capire cosa vuoi da me.
      Ho voglia che le tue mani mi tocchino come nessun altro mi abbia mai toccato.
      Ho voglia che le tue labbra sfiorino le mie in un bacio infinito.
      Ho voglia che il tuo cuore e la tua anima possa diventare un tutt'uno con la mia.
      Semplicemente... ho voglia di te.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di