Scritta da: Mattia Del Missier

Maschera.....

Indosso la maschera
Della felicità apparente...
Dove chi mi guarda
Vede... allegria e felicità...

Indosso la maschera
Della felicità apparente...
Dove il cielo è sempre azzurro...
i prati sempre in fiore...
Le colline sempre verdi...

Indosso la maschera
Della felicità apparente...
Dove ti tendo sempre la mano
Sono sempre pronta a sostenerti...

Indosso la maschera
Della felicità apparente...
Dove chi sa leggere i miei occhi...
Vede e sa...
Che è solo apparente
La maschera della felicità...
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Era una mattinata movimentata, quando un anziano gentiluomo di
    un'ottantina di anni arrivò per farsi rimuovere dei punti da una
    ferita al pollice.

    Disse che aveva molta fretta perché aveva un appuntamento alle 9:00.

    Rilevai la pressione e lo feci sedere, sapendo che sarebbe passata
    oltre un'ora prima che qualcuno potesse vederlo.

    Lo vedevo guardare continuamente il suo orologio e decisi, dal momento
    che non avevo impegni con altri pazienti, che mi sarei occupato io
    della ferita.

    Ad un primo esame, la ferita sembrava guarita: andai a prendere gli
    strumenti necessari per rimuovere la sutura e rimedicargli la ferita.

    Mentre mi prendevo cura di lui, gli chiesi se per caso avesse un altro
    appuntamento medico dato che aveva tanta fretta.

    L'anziano signore mi rispose che doveva andare alla casa di cura per
    far colazione con sua moglie.

    Mi informai della sua salute e lui mi raccontò che era affetta da
    tempo dall'Alzheimer.

    Gli chiesi se per caso la moglie si
    preoccupasse nel caso facesse un po' tardi.

    Lui mi rispose che lei non lo riconosceva già da 5 anni.

    Ne fui sorpreso, e gli chiesi 'e va ancora ogni mattina a trovarla
    anche se non sa chi è lei?

    L'uomo sorrise e mi battè la mano sulla spalla
    dicendo: "Lei non sa chi sono,
    ma io so ancora perfettamente chi è lei

    Dovetti trattenere le lacrime... Avevo la pelle d'oca e pensai:
    'Questo è il genere di amore che voglio nella mia vita.

    Il vero amore non è né fisico né romantico. Il vero amore è
    l'accettazione di tutto ciò che è, è stato, sarà e non sarà.

    Le persone più felici non sono
    necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che
    traggono il meglio da ciò che hanno.

    Spero condividerai questo messaggio con qualcuno cui vuoi bene, io
    l'ho appena fatto.

    La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di
    come danzare nella pioggia.

    Sii più gentile del necessario, perché ciascuna delle persone che
    incontri sta combattendo qualche sorta di battaglia.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Livia Cassemiro

      Orme sulla sabbia

      Questa notte ho fatto un sogno,
      ho sognato che camminavo sulla sabbia
      accompagnato dal Signore,
      e sullo schermo della notte erano proiettati
      tutti i giorni della mia vita.

      Ho guardato indietro e ho visto che
      per ogni giorno della mia vita,
      apparivano orme sulla sabbia:
      una mia e una del Signore.

      Così sono andato avanti, finché
      tutti i miei giorni si esaurirono.
      Allora mi fermai guardando indietro,
      notando che in certi posti
      c'era solo un'orma...
      Questi posti coincidevano con i giorni
      più difficili della mia vita;
      i giorni di maggior angustia,
      maggiore paura e maggior dolore...

      Ho domandato allora:
      "Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me
      in tutti i giorni della mia vita,
      ed io ho accettato di vivere con te,
      ma perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti
      peggiori della mia vita?"

      Ed il Signore rispose:
      "Figlio mio, Io ti amo e ti dissi che sarei stato
      con te durante tutta il tuo cammino
      e che non ti avrei lasciato solo
      neppure un attimo,
      e non ti ho lasciato...
      i giorni in cui tu hai visto solo un'orma
      sulla sabbia,
      sono stati i giorni in cui ti ho portato in braccio".
      Anonimo
      Composta mercoledì 16 settembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di