Questo sito contribuisce alla audience di

Perché ti amo

Un giorno mi hai chiesto perché ti amo
Ti amo per la luce che ha trafitto il buio
Per il calore del tuo corpo
Ti amo per il mare in tempesta
Che hai portato dentro di me
Per la pace di un tramonto incantato
Che ho inventato per te
Per la dolcezza della tua bocca
Ti amo per ogni parola
Per ogni sorriso, per ogni dolore
Che mi hai donato
E ti amo per le notti che non ho dormito
Ti amo per le lacrime che ho versato
Ti amo perché non so fare altro
Che amare te.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Canfora
    Che amarezza sapere che ogni sera,
    ogni notte della tua vita,
    osservi il cielo e vivi,
    vivi ed osservi il cielo in un unica volta,
    tutta tempestata di piccoli diamanti.
    Perché la vista delle stelle
    ha qualcosa di più impagabile
    di qualsiasi pietra preziosa.
    Eppure tutto quello che vedi
    non è altro che niente...
    qualcosa di più impalpabile del fumo
    di più etereo di una anima dannata.
    Tutta la luce, di tutte le stelle,
    non c'è più...
    la stella che magari ha attirato la tua attenzione
    si è spenta milioni di anni fa
    e tu con il tuo nasino all'insù
    guardi qualcosa che assomiglia al nulla...
    il tuo sguardo si perde nell'assoluto vuoto.
    Ma con grande ottimismo, allora,
    osservi gli spazi del cielo buio,
    aspettando che una nuova stella,
    magari nata milioni di anni fa,
    raggiunga con la sua luce
    i tuoi occhi e la tua anima...
    ed è solo la tua volontà che ti fa grande,
    la tua razionalità, la tua voglia di vedere
    aldilà dei tuoi sguardi e dei tuoi occhi,
    aspettare qualcosa che ancora non vedi
    o comunque ti rifiuti di vedere...
    ma quando tutto questo avverrà
    vedrai, forse, la più bella,
    la più luminosa e brillante delle stelle...
    la verità.
    Vota la poesia: Commenta