Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Grinch

Amore

Amore,
Amore storpio, Amore Mio bello,
mi fai male ogni volta che torni
mi fai annegare quando torni
vorrei morire
solo per non sentirmi cosi bene
per poi sentirmi cosi male;
perché ogni volta che arrivi,
so che te ne dovrai andare e,
ogni volta che parti mi sento morire! Sei il sentimento più puro,
dolce demente e stupido!
Ogni volta che ti innamori,
la tua ragione cade in un abisso
dove diventa totalmente inutile! Diventi un coglione,
dove tutto ha un colore perfetto,
una forma perfetta...
ma lui è al di la dell'immaginazione
e della perfezione
è eccesivamente perfetto e bello,
è lui la persona del quale ti sei innamorata...
Ma poi per una ragione
o per un'altra la perdi,
rimani solo e
allora cominci ad odiarlo,
quel sentimento che
ti aveva reso cosi felice, cosi... meravigliosamente leggero e libero, adesso,
sembra un'incudine,
incollata alla tua schiena
che non ti lascia rialzare,
che non ti lascia reagire perché, quell'amore è ancora li,
ti tormenta
con tutti i momento belli vissuti,
gli attimi passati,
le esperieze insieme,
tutto diventa piu doloroso e,
sempre piu odiato;
perché prima eri felice
e adesso sei solo un corpo,
senza anima, senza vita, senza amore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Canfora

    Tramonto negli occhi

    Quando, solo, in riva al mare,
    in una quasi divina contemplazione,
    osservi l'orizzonte, dove in un unica linea,
    il mare termina, per dare spazio a tutta la
    grandezza della volta celeste;
    ed il sole,
    ormai stanco di un'altra giornata di vita,
    sembra quasi adagiarsi
    su una superficie fatta di niente,
    ti senti stregato da un tramonto marino,
    misto sensuale di colori,
    erotica unione di eventi indomabili.
    La gioia di questa visione affascina
    e conquista...
    Eppure il tuo cuore è saturo di tristezza,
    inspiegabilmente, sei avvolto da un alone di amarezza,
    che solo le cose grandiose
    possono offrirti.
    Ed è per questo motivo che vederti,
    con occhi iniettati di sangue,
    pieni di lacrime,
    di un colore molto più marino del mare stesso,
    e udire la voce tremante, quasi a rendere
    sonora una pigra superficie marina
    mossa solo da una leggera brezza,
    c'è tutta l'essenza di un tramonto,
    in un'unica e sincrona danza di luci e colori.
    Questo è solo un modo per dare senso a tutte le proprie giornate...
    Aspettare pazientemente un nuovo, romantico,
    ma ahimè triste,
    incontro tra luce e tenebre,
    ed avere la certezza che ogni nuovo imbrunire sarà diverso,
    diverso da ogni altro.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nastjia

      Dopo la paura della notte...

      Un respiro,
      lungo come il giorno,
      mi pervade l'anima.
      È ghiaccio al sole
      questa paura che scompare.
      È soffice nebbia
      che levatasi nelle tenebre della notte
      si dissolve,
      alle prime luci dell'alba.
      Sollevato il velo,
      la vita riprende
      e nella luce splendente
      di un nuovo giorno
      cammino dolcemente...
      Composta venerdì 17 febbraio 2012
      Vota la poesia: Commenta