Mia madre

Ricordo quel giorno in cui sono partito,
solo adesso ho capito che là ti ho perduto.
Conto i giorni che ho passato senza di te
in questo paese che adesso vedo triste come me,
ti ho lasciato piangendo seduta in una sedia
senza pensare che stavo andando in una gabbia,
il tempo è passato senza pensare
che mi sarebbe piaciuto vederti invecchiare.
In questo passato avrei voluto starti più vicino
per farmi abbracciare, baciare, e tenerti la mano,
le stesse mani che quando ero bambino
dal freddo mi coprivano, e dalle malattie mi curavano.
Non esistono parole per raccontare la lontananza
di una mamma che vive con la stessa speranza.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Mamma

    Ciao Mamma,
    tu che mi guardi da lassù,
    tu che te ne sei andata via troppo presto,
    porgimi la mano.

    Dammi la serenità,
    la dolcezza,
    l'amore.

    Dimmi che non sono malevole come mi hanno descritto.

    Fai capire a lei che l'amore non ha catene,
    fai capire a lei che l'amore non può finire.

    Vorrei essere compreso,
    Vorrei amare ed essere amato,
    Vorrei riuscire nella mia vita,
    Ma non ho più la forza per proseguire.

    Cara mamma,
    tu che mi guardi da lassù,
    porgimi la mano,
    portami via con te.
    Anonimo
    Composta martedì 15 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Morte, non sei
      che un'anima
      errante
      per infiniti campi
      desolati
      nella nulla eterna attesa
      che il tuo fuoco
      si ravvivi.

      Anima sola,
      pellegrina,
      calda di amore e di affetto
      che, freddo, brucia
      senza sosta
      nelle anime che non tocca;
      ed è un fuoco senza fiamma.

      Dolce,
      corrotta,
      bellezza in volo
      lentamente interrotta.
      Battito, istante eterno.
      Ospizio di sogni, di fumo
      irrealizzato;
      non si piega
      a te
      la spiga
      più fragile
      del mondo.

      E sei calore immenso.
      Anonimo
      Composta sabato 4 giugno 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Bramante

        Valzer eterno

        Un attimo da sogno, fra i ricordi,
        corre a ritroso a un vecchio paradiso,
        rimbalza dal tuo cuore palpitante
        e ondeggia fra lo stomaco e la mente.

        Nella tua testa, eterni, dolci istanti,
        danzano un valzer di malinconia.
        Nella tua vita, ormai, ti son compagni,
        di algide sere che non hanno stelle.

        La pelle tua, vestita di speranza,
        vibra di nuovo di carezze antiche
        e senti ancora le sue labbra miele
        su quelle tue, che invece, san di sale!
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di