L'amore

Quando ti ho visto per la prima volta
ho capito che eravamo fatti per restare uniti.
Ho cercato di parlarti,
ma non mi degnavi di uno sguardo, e ho rinunciato.
Ho cercato di avvicinarmi,
ma ti allontanavi per quanto più ne era possibile, e ho rinnunciato.
Ho cercato di conoscerti,
ma il tuo essere troppo sicuro me lo impediva, e ho rinunciato.
Ho cercato di dimenticarti,
ma ogni volta qualcosa me lo impediva, ho rinunciato.
Ho capito che qualcosa in me era cambiato.
Ero innamorata... e bene si...
l'amore mi metteva in confusione, ma non ho rinunciato!
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pablo L.

    E penso ancora a te

    Profumo di mare da una finestra sconosciuta
    Un ricordo fugge dalla porta mentre una speranza invade la stanza
    E penso ancora a te
    Sarà la brezza che porta i tuoi occhi?
    Un respiro profondo e cado giù
    Ubriaco senza aver bevuto
    Stanco di camminare, provando a correre
    E penso ancora a te
    Sarà che ho tanto aspettato, che molto ho sbagliato
    Poi rido, rido di me.
    E penso ancora a te
    La tua pelle bianca è il sogno perfetto
    Il cammino ideale che porta al tuo seno
    Al tuo ventre morbido dove trovo un rifugio sicuro
    Chiudo gli occhi e ti cerco vicino a me
    Ma tu non ci sei, io rido di me
    E stranamente, sarà il cuore, la mente o od un brivido
    Io, penso ancora a te.
    Anonimo
    Composta sabato 19 aprile 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di