Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Antonio D'Amico
Non so se il sole
alberga più nei miei giorni
da quando ci sei tu
o se è scappato via in un'altra galassia

Non so se il fiume del mio cuore
sfocia più in un mare di sogni
o in un universo di essere

Non so se il vento
ha portato via le foglie
ha smarrito una parola
ha perduto un pianto
ma non porterà mai via te da me

Non so se c'è ancora il tempo
se non si è stancato mai di trascorrere
ma non importa...

Tu chiudi gli occhi e spegni il tempo
usa il fiato solo per respirare e ascolta...

...puoi sentirlo?!?!

Il mio cuore batte ad ogni tuo respiro
mentre respiro vivi dentro me
i miei occhi sono la porta per entrare
nel mio mondo, nel mondo che ho creato per te
dove non c'è regina che non sia tu

Non so se ti stancherai
ma il cammino è lungo
non potrai fermarti nei miei pensieri
non c'è più spazio per niente
dovrai proseguire fino al cuore

Non so indicarti la strada
so che tu sai dov'è, lo sento
senti che ti voglio, non puoi sbagliare

Non conosco la distanza
non è lunga per te
vai e vieni via dal mio cuore
come se fosse per magia
entri e scappi ma poi torni qui

Non so cos'è
Forse questo è il cuore
So solo è questo il posto
Che ho scelto per te

Non so se ti volterai
per guardarti dietro

Non so se capirai
non esistono parole per mentirti
occhi per ingannare
e mani per ammaliare lì

Non so quando durerà
ma so sarà sempre più
ad ogni respiro
fino all'ultimo battito.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anonimo Anonimo

    Manuale per dimenticare

    Odiala, odia tutto ciò che c'è stato. Odia tutti i bei momenti, odia i tuoi sentimenti, odia tutto il contorno e l'essenza di quello che accade. Odia i suoi ragionamenti, i suoi modi di fare, il modo di dirti le cose senza pietà... odia tutto quell'affetto che c'è stato, odia la delusione, odia ciò che per te è stato. I sorrisi buttali giù da una rupe, pensa al suo modo meschino e infame che parla di te, che ti sputtana, che sputa dove ha ben mangiato. Impara a esserle estraneo, impara a seguire gli amici che sono una delle poche sicurezze, dimentica il suo modo di consolarti e impara a gestire il tuo pensiero... guidalo verso nuove mete, nuovi tempi in cui tutto tornerà ad essere magico. Ricordi? Ricordi i momenti in cui eri felice? Con o senza lei, la felicità è lì dietro l'angolo lontano dai ricordi.
    Sappi che lei non apprezza nulla di ciò che è stato, sappi che lei ti odia più di quanto non lo stai facendo tu. Porta la tua vita, il tuo diamante al vecchio splendore... non mostrarti sporco, purificati da tutto quel letame e vedrai che inizierai a sorridere ancora. E poi il destino è meschino per tutti... non potrà sempre andarti male, anche tu avrai la tua occasione per farti odiare ancora di più. Non vivere con questa speranza però... dato che la vendetta può arrivare anche non dalle tue mani, sappi vivere con questo ricordo imparandolo a dimenticare e forse un domani anche la tua voce avrà il rispetto che merita.
    I segreti che conservi, i bei momenti che lei ha completamente cancellato, tienili ben nascosti e mostrali solo ai tuoi sogni, perché è lì che devi iniziare a costruire le fondamenta di tutto ciò che ci sarà. Segui la tua strada, rafforzati di questa esperienza e vedrai che tutto risplenderà.
    Vota la poesia: Commenta

      L'amore

      Quando ti ho visto per la prima volta
      ho capito che eravamo fatti per restare uniti.
      Ho cercato di parlarti,
      ma non mi degnavi di uno sguardo, e ho rinunciato.
      Ho cercato di avvicinarmi,
      ma ti allontanavi per quanto più ne era possibile, e ho rinnunciato.
      Ho cercato di conoscerti,
      ma il tuo essere troppo sicuro me lo impediva, e ho rinunciato.
      Ho cercato di dimenticarti,
      ma ogni volta qualcosa me lo impediva, ho rinunciato.
      Ho capito che qualcosa in me era cambiato.
      Ero innamorata... e bene si...
      l'amore mi metteva in confusione, ma non ho rinunciato!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pablo L.

        E penso ancora a te

        Profumo di mare da una finestra sconosciuta
        Un ricordo fugge dalla porta mentre una speranza invade la stanza
        E penso ancora a te
        Sarà la brezza che porta i tuoi occhi?
        Un respiro profondo e cado giù
        Ubriaco senza aver bevuto
        Stanco di camminare, provando a correre
        E penso ancora a te
        Sarà che ho tanto aspettato, che molto ho sbagliato
        Poi rido, rido di me.
        E penso ancora a te
        La tua pelle bianca è il sogno perfetto
        Il cammino ideale che porta al tuo seno
        Al tuo ventre morbido dove trovo un rifugio sicuro
        Chiudo gli occhi e ti cerco vicino a me
        Ma tu non ci sei, io rido di me
        E stranamente, sarà il cuore, la mente o od un brivido
        Io, penso ancora a te.
        Composta sabato 19 aprile 2014
        Vota la poesia: Commenta