Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gaetano Palmese

Tanto dice il suo viso

Tanto dice il suo viso
che tutti i dizionari di questa terra
parole non hanno per descriverlo

La sua pelle liscia come un velo di seta,
le sue labbra rosse come ciliegie, raffinate come vino.
Le sue guance sono oro sopraffino
ed i suoi occhi sono due chicchi d'uva.

Ella è tutta una delizia,
alla natura tanto ha sottratto
mentre Dio era distratto.

E quel candido viso
ancora tante ne dirà
ma la natura un posto come quello
mai lo lascerà.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Assia & Niki

    Vorrei...

    Oggi vorrei farti un regalo,
    un regalo speciale,
    un dono che mai potrai scordare.
    Vorrei regalarti un sogno,
    mille sorrisi,
    il mio pensiero più profondo.
    Mai nessuna lacrima vorrei scorresse sul tuo bel viso,
    mai niente e nessuno vorrei spegnesse il tuo sorriso...
    A te che sei l'unico uomo per me,
    ti regalo ancora una volta tutto il mio cuore,
    perché tu possa sempre sentire i brividi dell'amore
    che solo quello vero può dare.
    Anonimo.
    Composta martedì 12 aprile 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: SolPiccola .

      Dove sei?

      Ora il buio della notte
      Mi copre con suo manto nero
      Ed io sono qui,
      sola e senza te
      Nel silenzio della mia stanza.
      Il mio sguardo è perso
      Ad aspettarti, e ti immagino così,
      vicino a me
      Dove sei?
      Amore mio viene,
      sono qui...
      senti la voce del mio cuore
      ed il rumore che fa la mia anima...
      Sei il mio sogno
      ti ho cercato nelle vie
      anche, in mio letto vuoto
      Dove sei?
      Voglio incontrarti solo per un istante
      Stringerti forte
      e sentire tuo respiro
      e così ti portare come
      ricordo Per il resto...
      Rimango sola nel silenzio della notte...
      Mentre continuerò a sognarti
      tutte le notte...
      Per dare alcuno senso alla mia vita.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: marianna

        Anima mia

        Ispeigabile follia la mia mente...
        un mondo invivibile dentro che preclude la mia pace...
        un mondo giudice fuori che mi ha reso insicura...
        Anima mia, sei tu la mia nemica?
        Tormento unico, persistente, che strazia il mio cuore stanco ormai di battere veloce, perennemente...
        Ci si cheide perché? Tante le risposte, le cause
        ma infine... il vuoto...
        Inetta in questi nuovi giorni,
        l'apice del nulla il mio pensiero di cui non posso fare più a meno... e ora cos'è cambiato?
        Nuove strade sembrano prostrarsi dinnanzi a noi, nuove occasioni... uniche... irripetibili...
        Ma Anima mia perché non mi consenti di viverle?
        Vota la poesia: Commenta