Storia di angeli

Guardo il cielo dall'alto di un precipizio e mi ci sento così vicina che sembra mi entri nelle ossa...
sento le onde di quel mare così puro e limpido
quel mare che non si trova all'esterno ma si trova nel mio cuore... nella mia anima
come è bello il mondo da qua sù
rimanerci per sempre è un atto irreale?
È qualcosa di impossibile?
Rimanere qui in alto mi da la possibilità di vedere le cose da una altro punto di vista
di sentirmi più potente
più me stessa...
è una cosa sbagliata?
Mi sento un angelo troppo leggero per rimanere con i piedi per terra
troppo pesante per arrivare fino a toccare l'universo
rimango in bilico tra realtà e fantasia
tra bene e male
tra odio e amore
rimango in bilico ma so che in quel mio centro, c'è una cosa che nn lascerò mai.
È qualcosa di così potente da superare ogni mio minimo problema,
ogni mio minimo dubbio,
così potente da far scomparire ogni mia lacrima.
Questo è il mio amore che per quanto possa essere lontano
è sempre vicino a me
lo sento dentro.
Lo sento mio più di ogni altra cosa,
l'amore è l'unica cosa che mi fa trovare pace in quel vuoto tra cielo e terra.
Guardo il mondo dall'alto.
In un confine troppo bello per salire più sopra o ritornare giù.
Anonimo
Composta lunedì 15 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Non c'è limite...
    se non in noi stessi...
    non c'è nulla che possa prevalere.
    Se non in noi Stessi!
    Vieni con me... lasciati guidare...
    vieni con me... non temere...
    vieni con me... lasciati andare...
    ti porterei dove tu non sai...
    ti condurrò dove tu non sai...
    ma ti accompagnerei...
    se pur per un breve tratto...
    per quel tragitto,
    a te ancor sconosciuto
    e non temere non troverai
    né difficoltà
    né ostacoli...
    né Limiti...
    Se non quelli che tu porrai
    Ma... se vieni con me...
    Se decidi di farlo...
    Allora... so già che ti perderai...
    Bevi con me dallo stesso calice
    Un vino rosso... rubino
    Nero d'Avola in purezza...
    Il tuo preferito...
    sorseggiandolo dallo stesso calice...
    gusta anche me...
    Adesso chiudi gli occhi...
    Lasciti andare...
    non pensare...
    non porre né limiti
    né resistenze...
    Perché adesso...
    ti porto via con me...
    ti porterò in un luogo
    che va oltre la realtà
    un luogo...
    dove non vi regna null'altro che
    Il Piacere,
    l'estasi,
    l'oblio
    l'abbandono
    "Al Piacere Assoluto"
    Un luogo che potrai raggiungere...
    Solo insieme a me...
    chiudi gli occhi,
    dammi la tua mano
    e tienimi su di te...
    stringimi forte
    avvolgimi più che puoi...
    con la forza delle tue braccia
    mani... curiose si cercano...
    si legano come stringhe...
    legate come corde di seta nera
    e null'altro sentono...
    null'altro che il mio corpo
    sopra di te... sopra le tue gambe
    cercati... cercami... scopriti...
    gustami... annusami... leccami...
    fatti assaggiare, fatti sentire...
    fammi sentire... sentire di più...
    fino a morire... morire di piacere!
    Corpi ormai umidi... caldi
    irrequieti... desiderosi...
    docili e indomabili...
    si muovono in preda ad una follia pura
    fino a perdersi...
    dentro un "Estasiante Piacere Assoluto!"
    in quel momento correremo insieme,
    ed insieme giungeremo in quel luogo
    dove tutto è leggero... dove tutto genera
    ... l'Origine di tutte le cose.
    In quell'istante riuscirai a vedere
    dentro i miei occhi... tutto ciò che è in te
    Qui, dentro di me...
    un viaggio intenso
    stancante... avvilente
    ma un viaggio che fino d'oggi
    avevi rimandato ormai da troppo tempo...
    ma vale la pena...
    vale la pena di farlo,
    voglio fare questo viaggio con te...
    ancora...
    ancora e un'altra volta e ancora...
    fino a sfinirci... fino a morire.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di