Scritta da: Anonimo Anonimo

Canzone dell'amor perduto

Se potessi scrivere musica,
la userei per descriverti,
mia musa segreta,
la userei per raccontarti l'incolmabile dolore,
mia dannata,
la userei per cantarti le mie giornate,
mia lontana amante,
la userei per sfiorarti,
mio sogno svanito,
la userei per parlarti e rapirti,
guidandoti dolcemente sulle nuvole,
e con il permesso di Orfeo ti lascerei lì,
ti vedrei scivolare sulle note,
ti vedrei sentire l'eco delle mie parole,
e forse capiresti...
eterea nei miei sogni che un tempo furono realtà.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Federico

    A Silvio

    Silvio caro, mio grande amore
    portami sempre nel tuo cuore.

    Tu che fai tutto in quattro e quattr'otto
    rubaci presto l'articolo 18.

    Giacché sei senza coscienza
    rubaci pure la contingenza.

    Visto che sei senza pietà
    levaci pure l'anzianità.

    E se vuoi fare le cose serie
    lasciaci anche senza ferie.

    Per migliorare la situazione
    togli di mezzo la liquidazione.

    Se l'inflazione ancora dilaga
    fregaci pure la busta paga.

    E per far dispetto ai sindacati
    aumenta la schiera dei disoccupati.

    Affinché sia tutto normale
    facci pagare l'ospedale.

    Perché vada tutto a buon fine
    facci pagare le medicine.

    Per evitare ulteriori danni
    ti prego, mandaci in pensione a novant'anni!

    Santo Silvio da Arcore
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Danza di Venere

      Esiste o non esiste

      È un caso vedere le foglie volare spinte dal vento,
      È un caso vedere un frutto cadere al suolo,
      È un caso piantare un pesco e scoprire che nascerà un albero di pesche,
      È un caso se le correnti marine si infrangono sugli scogli,
      È un caso che il sole sorga ogni mattina,
      È un caso pensare ad una rosa rossa come simbolo d'amore e passione,
      È un caso incontrarti e pensarti intensamente,
      È un caso vederti e conoscerti da sempre,
      È un caso averti in mente continuamente,
      È un caso apprezzare i silenzi in cui ci fissiamo,
      È un caso, solo un caso.
      Anonimo
      Composta giovedì 9 marzo 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Kain
        Senza te ho perso la facoltà di volare...
        Senza te ho perduto la luce calda dell'anima...
        Senza te ho dimenticato lo scorrere del tempo...
        Senza te ho lasciato cadere le mie ali...
        Senza te ho visto il mio sangue scorrere via e mozzarmi il fiato...
        Senza te mi sono dimenticato il colore dei fiori...
        Senza te ho scordato di nutrirmi...
        Senza te ho scordato di dissetarmi...
        Senza te ho dimenticato di uscire a vedere il mondo...
        Senza te ho scordato il semplice sorriso...
        Senza te ho dimenticato di guardare fuori della finestra...
        Senza te ho scordato di sollevare gli occhi fissi sul pavimento...
        Senza te ho dimenticato di respirare...
        Senza te ho solo smesso di vivere.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di