Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz
Essere giovani non significa una stagione della vita
bensì un modo di essere:
il ruolo di guida è affidato alla volontà,
gioventù è espressione dello spirito,
della forza immaginativa,
dell'intensità dei sentimenti;
gioventù significa vittoria del coraggio
sullo sgomento,
vittoria dell'amore per il nuovo, sulla
staticità.
Non si diventa vecchi perché si è vissuto
un certo numero di anni: si diventa vecchi quando si rinuncia agli ideali.
Gli anni segnano la pelle,
la perdita di ideali segna lo spirito.
Pregiudizi, dubbi, timori, perdita di speranza
sono nemici che poco per volta spingono
verso terra,
anzitempo, ancora prima di tornare
alla terra...
Giovane è chi ancora riesce a meravigliarsi
ad entusiasmarsi;
chi ancora chiede, come un insaziabile
bimbo: "E poi?"
e chi provoca gli eventi e sa gustare il
gioco della vita.
Siamo giovani come la nostra fiducia
vecchi come il nostro dubbio;
giovani come la fede in noi stessi, nella
nostra speranza,
vecchi come il nostro scoramento.
Rimarremo giovani, finché rimarremo
ricettivi
per il bello, il bene, il grande; ricettivi per
il messaggio
della natura; del nostro prossimo...
dell'incomprensibile.
Se un giorno il nostro cuore fosse corroso
dal pessimismo,
avvinto dal cinismo, Dio abbia pietà della
nostra anima
dell'anima di un vecchio.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anonimo Anonimo

    Quello che vorrei

    Lontana sei inconsapevole,
    la tua inventiva mi stupisce,
    originale in questa indifferenza
    io non posso far altro che sognarti.
    Lo faccio ogni notte,
    mi lascio trasportare da dolci pensieri
    e viziare da quelli della carne.
    Ti confesso che un pensiero costante mi assale,
    porterei indietro ogni secondo
    pur di riviverti.
    Ogni notte parto per vasti campi,
    rimango nascosto nella nebbia,
    mimetizzato tra gli alti fusti,
    in sospensione tra sogno e realtà
    mi isolo e ritorno da te.
    Sogno di portarti con me,
    lì in quei campi che non esistono,
    dove ti affronterei tra l odore della rugiada
    e la fredda luce della luna.
    Ti inviterei a combattere le tue paure
    e a conoscermi in quei teneri sogni,
    ed è forse solo così che sentiresti
    l'urlo straziante del mio cuore
    che ancora ti cerca.
    In quei campi aleggia una strana aria
    quasi sensibile al tatto,
    tu saresti confusa,
    lontana da tutto,
    e circondata da quell'aurea
    misticamente respirerai il mio profumo
    e ti sazierai.
    Assisterai alla morte dei tuoi problemi
    e curiosa ti allontanerai.
    La luna maternamente ti parlerebbe
    mostrandoti il suo lato scuro,
    ti racconterebbe i miei segreti che come un bambino,
    in tutti queste notti,
    ho saputo confidarle.
    Tu, libera dai pensieri
    stupita da tutto rimarresti lì ad ascoltarla,
    io complice della scura notte
    sarei lì ancora nascosto a guardarti e desiderarti.
    Poi al cenno di un tuo riposo,
    ti sorprenderei raggiungendoti,
    abbraciandoti colmerei il mio desiderio di te
    e tu incredula rimerresti immobile,
    rapita dall'estasi e dalla mia dolce voglia.
    Danzeremo uniti in un abbraccio,
    come due teneri amanti
    ci sporcheremo di quella misteriosa terra,
    resi complici dal desiderio.
    Alla fine esausti riposeremo
    abbracciati sull'erba,
    e attenderemo l'alba di un nuovo sogno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Assia & Niki

      Vita

      Sulla sponda del fiume osservo l'acqua che scorre veloce
      Corre rapida, come la mia vita...
      Cerco di imprigionare l'acqua fra le mie mani,
      ma lei trova il modo di sfuggire,
      mentre io sono rimasta prigioniera di un illusione per tutta la vita.
      Prigioniera di te, che mi hai ingannata con belle parole,
      con finto amore...
      È tempo di rialzarmi, di staccarmi dai ricordi
      È tempo di ricominciare la VITA.
      Composta venerdì 6 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        Per scoprire...

        Per scoprire il valore di un anno,
        chiedi a uno studente che è stato bocciato all'esame finale.
        Per scoprire il valore di un mese,
        chiedi a una madre che ha messo al mondo un bambino troppo presto.
        Per scoprire il valore di una settimana,
        chiedi all'editore di una rivista settimanale.
        Per scoprire il valore di un'ora,
        chiedi agli innamorati che stanno aspettando di vedersi.
        Per scoprire il valore di un minuto,
        chiedi a qualcuno che ha appena perso il treno, il bus o l'aereo.
        Per scoprire il valore di un secondo,
        chiedi a qualcuno che è sopravvissuto a un incidente.
        Per scoprire il valore di un millisecondo,
        chiedi ad un atleta che alle Olimpiadi
        ha vinto la medaglia d'argento.
        Il tempo non aspetta nessuno.
        Raccogli ogni momento che ti rimane, perché ha un grande valore.
        Condividilo con una persona speciale, e diventerà ancora più importante.
        Vota la poesia: Commenta