Scritta da: Sofia

Affollata di solitudine

Niente
provo a sentire un sentimento
non mi riempie
forse il vuoto
lasciato da un calice
solo falsamente riempito
di un vino che non disseta il mio cuore

il mio animo si rannicchia
in un angolo della doccia
mentre scorre un'acqua
fredda
come la solitudine

voci sorde intorno a me
richiamano l'attenzione delle mie idee
ma l'ombra che vive dentro il mio corpo
le riprende con ragnatele di tristezza

mi sento sola.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mela Favale
    Non piango mai per te
    basta il cielo a farlo per entrambi questa sera.
    Affacciati... so che anche tu puoi vederlo.
    Perché io ti sento... ogni mio senso è catturato da te;
    Ti sento quando un fiocco di neve si posa per terra,
    quando una foglia secca si stacca da un ramo;
    Ti assaporo nei gigli freschi di stagione
    e nel gelato alla nocciola
    Posso annusarti nella vaniglia di una ciambella appena fatta,
    nella boccetta di un profumo di buona marca;
    Posso vederti in un riflesso ceruleo degli occhi di Marika,
    Nella luce del faro che illumina le case.
    Ti accarezzo quando stringo un porcellino di peluches e
    quando abbraccio il cuscino il sabato sera.
    Ma soprattutto è il mio sesto senso che mi parla di te;
    so bene quando stiamo guardando la stessa stella,
    quando stiamo ascoltando la stessa musica,
    quando stiamo pensando alla stessa cosa...
    quando i battiti del mio cuore hanno la stessa frequenza dei tuoi.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Assia & Niki

      All'improvviso...

      All'improvviso mi regali un sorriso,
      un tenero bacio e un caloroso abbraccio.
      Sono confusa credevo mi avessi dimenticata.
      Sei ritornato da me e non voglio sapere perché.
      Mi basta averti qui,
      stringerti fra le mie braccia,
      accoglierti dentro di me,
      fondere il mio corpo col tuo,
      in un interminabile abbraccio
      che profuma di un affetto sincero,
      che profuma di amore vero.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Andrea Manfrè

        Mi manchi

        Giro per la strada
        e non so dove sei,
        ti vedo dappertutto
        e non sai quanto ti vorrei,
        e adesso che te ne sei andata
        e forse non ritornerai mai più,
        mi manchi,
        mi manchi.

        Io che ti ho sempre allontanato
        dai pensieri miei,
        ma per averti ora con me
        non so cosa darei,
        e giorni passano lenti
        e chiedo perché non mi chiami più,
        mi manchi,
        mi manchi.

        Provo ad immaginare
        che cosa fai,
        e ti vorrei telefonare
        ma so che tu non parlerai,
        non è così che doveva andare
        quante cose non ti ho detto,
        mi manchi,
        mi manchi.

        Ho pensato all'illusione
        che ti ho dato,
        ai pensieri che
        non ho ascoltato,
        al vuoto che lasci nella mia vita
        che senza di te non ce la fa più,
        mi manchi,
        mi manchi.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di