Scritta da: Rosazzurra

Malinconia

Ci son momenti
che guardare dentro le persone
s'aprono voragini,
la vertigine sprofonda
nel nulla
crepe di silenzio
s'innalzano
cercando raminghe
vibrazioni d'anima.

L'eco dell'amore
s'allontana
lasciando un profumo
di nostalgia;
e con un battito d'ali
la malinconia
entra dentro
si chiude la vertigine
dentro un mulinello di parole.
Annamaria Gennaioli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosazzurra

    La notte della civetta

    Si perderà la notte
    nei i colori del buio
    senza luna il cielo
    questa notte
    la notte.

    Scivolando nel silenzio
    dell'oscurità
    oltre la linea dell'impossibile
    dove il sonno
    t'adagia
    in un sogno
    profondo
    bisbiglio d'amore
    che divide la veglia.

    La notte della civetta
    s'innalza dolcemente,
    e il suo canto
    arriva
    fino all'alba;
    colori del giorno
    che innescano
    un chiarore
    che offuscano
    l'oscurità.

    Teatro di vita
    che s'incalza
    sotto il sole d'agosto...
    Annamaria Gennaioli
    Composta giovedì 13 agosto 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosazzurra

      Estate

      L'incontro è dovuto:
      una cervo assetato
      s'abbevera alla fonte
      dolce ristoro d'arsura
      e d'amor.
      Cantano l'allegria
      i cuori innamorati,
      il cervo s'ammira e rimira
      il dardo è scoccato
      l'amore è sbocciato...

      Il risveglio del bosco
      è completo,
      s'accoppiano gli animali
      tutto un fermento
      pronto il nido
      l'estate si prepara
      per accogliere la prole:
      tenera sinfonia di
      morbidi batuffoli.
      Annamaria Gennaioli
      Composta mercoledì 1 luglio 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosazzurra

        Luglio

        Campi di grano
        sotto il sole di luglio
        cantano le cicale,
        si aspetta l'evento
        tutto è pronto
        per raccogliere il frutto:
        il grano maturo
        è pane sicuro.

        Tutto è raccolto,
        è rimasta la paglia
        giaciglio morbido
        per l'inverno venturo.

        Danzano uccelli
        quando è scesa la quiete
        e formiche operose per
        il chicco rimasto.

        Ma, le cicale cantano
        sotto il sole di luglio;
        aspettando l'inverno
        incerto futuro...
        Annamaria Gennaioli
        Composta domenica 13 luglio 2008
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di