Virgilio

A tutte le donne che non chiedono mai niente

Le Donne forti che
sanno trattenere
lacrime e riso amaro,
non sono farfalle multicolori
che volano di ramo in ramo.
Sono foglie d'edera che dimorano
e dove s'attaccano muoiono.
Amore dispensano per il talami e desideri
e spesso ottengono solo derisioni e pugnali.
Nel mondo sovrano son piccole lucciole
che danzano silenti cercando amore.
Sono madri che piangono figli dispersi.
La forza rinchiusa nel cuore di ognuna
è il più grande segreto della fruttrice madre natura.
Annalisa Franza
Vota la poesia: Commenta

    Granelli di luce

    Tra la luce che filtra e si cela
    dietro le persiane,
    tra i granelli di luce
    i miei sogni come tante carezze di vita.
    Vorrei estinguere la fame e la sete
    dei bimbi che mi rendono madre.
    La mia stanza parla come
    amica gentile,
    la luce m'invita.
    Fiera esco tra i fiori d'autunno,
    nella musica soave e delicata
    del rio che gorgoglia.
    Annalisa Franza
    Composta lunedì 16 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta

      Cosmo

      Vigile il cielo,
      in silenzio veglia,
      il bisbiglio delle muse
      ispiratrici di pensanti umani.

      Le gote vermiglie e stanche,
      cercano oblio, ma i dubbi
      non lasciano pace e non v'è ristoro.
      Languida attesa del giorno lontano
      mentre s'adorna d'ombra,
      l'infinito intero.

      Vite fugaci corrono,
      tra fiamme e agonia, di sublime incanto.
      Liberi pensieri, balzano in arcione,
      senza timor d'inganno
      nell'agitato cosmo.

      Solcano come comete,
      spazi irreali in attesa.
      L'aria cheta gatteggia tra i rami,
      sorride alla natura fruttrice.

      Confonde l'incantesimo
      e l'anima si placa pian piano,
      intimando l'Eterno,
      i reconditi affanni
      finalmente si placano nel
      rosso tango dei cuori pulsanti.
      Vota la poesia: Commenta

        La vita intorno a me

        Mi parlano
        soavemente
        piccoli e mirabili
        alberi novelli,
        l'acqua sussurrante
        e i sassi lungo il cammino.
        Veleggia il vento
        mentre c'è vita.
        Ondeggiano le foglie
        tra i miei sospiri,
        si ferma ogni fugace tempo,
        Bianchi alati
        nei loro voli
        salutano la mia attesa.
        Il mio affamato cuore
        ardisce di cogliere
        ogni brandello di vita.
        Posseggo il mio mondo
        e il mio angolo di cielo.
        Annalisa Franza
        Composta lunedì 16 novembre 2009
        Vota la poesia: Commenta