Questo sito contribuisce alla audience di

I letti dell'anima

Si stendono lenzuola
e profumi di lavanda
sulle vie che portano
al cuore.
Profumano aritmie,
inebriando
pacate assonanze,
rinfrescando il soffio
dei venti.
Si assaporano
odori epidermici
che ti tracciano amore.
Sono i giorni migliori
per accendere bagliori
nel buio,
dove il sole
con il suo splendore
riaccende il vigore
dei sensi.
È il momento
che ora ti prendi,
quello che non riesci
a scacciare,
ti domina dentro,
maremoto che sbatte
i silenzi di vita
e che ora tu tocchi
con fragili dita.
Si stendono lenzuola
sui letti dei cieli
dell'anima!
Composta mercoledì 20 agosto 2014
Vota la poesia: Commenta

    Lei sente

    Sento l'odore del muschio
    tra i sensi dell'ero stata,
    mi inebria i pensieri,
    trainandoli sul cocchio
    del tempo,
    dove il passato mente
    e regge ad un precipizio
    di un oggi,
    aggrappato ad un equilibrio
    che stenta.
    Umida immagine sfocata
    tra le ombre
    che smuovono la luce
    del mio ora
    che passa lento.
    Sento il sapore del vento
    che accarezza i miei passi
    e li veste di respiro
    coprendo quel che resta
    di un calore
    ancora imprigionato
    nel cuore.
    Sento,
    sento la voce dell'anima
    che parla di me
    ad un dolore villano
    che si fa scherno
    nascondendo i colori.
    È sicura che io abbia
    la chiave
    che apre quel grigio,
    lei sente
    che posso ridarle l'azzurro
    sciorinando pennelli
    su quella tela
    dimenticata dal cielo!
    Composta sabato 7 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta