Scritta da: Anna De Santis

Ma che strano

Ma che strano!
Nun t'ha dato er tempo de pensà,
eri na pischella, se poteva fà,
te sei ritrovata in men che non si dica,
davanti a quell'artare e quanno te sei ripresa
nun hai avuto manco er tempo pe dì
ma chi me l'ha fatto fare.
Quanno ch'è passato un po' de tempo,
co sta panza più nun potevi camminà,
n'artra vorta davanti a quell'artare,
pe dà un nome ar frutto dell'amore.
E daje n'artra vorta, e n'artra vorta ancora,
tu nun c'havevi un ora pe poté pensà.
E co sto seno ar vento, stavi sempre allattà,
che belli questi fiji, che t'hanno poi lasciato,
a forza de visità l'artare
a uno ad uno se so voluti sposare.
Quanno che te vorresti riposare,
arrivano li nipoti sempre passanno pe l'artare,
ognuno ha il suo bel nome e li devi accudire.
Mo che nun so più bona a niente,
e nun se ricordano manco quer che ho fatto,
me vorrebbero riportà all'artare,
st'ingrati, ma mo ve frego io,
me ne vado all'ospizio
pe st'artri anni che me restano da campare,
ricordateve che... alla fine pe l'artare
tutti ce dobbiamo passare.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Lentamente

    Le grida dei bambini dalla strada,
    non hai più voglia di sentirli
    e chiudi la finestra,
    il tuo mondo per te comunque vada,
    ora è in quel piatto di minestra.
    Ben poca cosa è chiudersi con ogni scusa,
    la vita va vissuta, nonostante tutto,
    guarda che è fiorita la tua rosa,
    si è arrampicata sopra il tuo balcone, ancora pensi che lei ti abbia distrutto?
    Lentamente morirai su quella sedia,
    apri alla vita, respira l'aria e dai retta al cuore, ti aspetta un altro amore.
    Scendi in cortile, tira un calcio al pallone,
    dai un bacio ad un bimbo, allenta la tensione,
    vedrai che tutto passerà in un attimo,
    e sarai pronto per una nuova occasione.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Il ritorno

      Eravamo già con i vetri appannati,
      il freddo dell'inverno si faceva sentire,
      il fuoco del camino,
      aveva trasformato in brillanti le piccole gocce, che piano scivolavano.
      Col naso spiaccicato si scrutava fuori,
      la gente a sera in quella nebbia a malapena si vedeva.
      Un uomo con un grande cappello,
      la valigia in mano, verso casa, con incedere lento, procedeva,
      il suo volto con il buio non si scorgeva
      ma la speranza di questo ritorno, si prevedeva.
      La vecchia mamma si affacciò, con le lacrime agli occhi,
      e con il cuore in gola corse giù per le scale,
      è tornato Pasquale!
      La tavola era già apparecchiata,
      nel camino mise altri due ciocchi.
      La cena era pronta e la mamma lo guardava,
      per la gioia non riusciva a parlare,
      ma sul suo viso lenta una lacrima scendeva.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Paura e solitudine

        Da dietro lo spioncino della porta ti spiavo,
        mentre regalavi amore,
        ora capisco perché la gente per strada ci guardava,
        senza salutare.
        Cercavo le tue mani, era paura e solitudine
        ma tu non ti accorgevi...
        Mi hai sempre amato a modo tuo,
        davanti a quello specchio mi parlavi,
        mentre ti truccavi, ti pettinavi,
        per un altro incontro.
        Geloso ti guardavo,
        ma per il tempo che non mi concedevi,
        non riuscivo a dirtelo,
        anch'io avevo bisogno dei tuo baci,
        non mi bastava quella carezza la sera
        prima di addormentami.
        Finalmente cresciuto ho capito ed ho sofferto
        per farmi diventar grande hai regalato amore,
        ora so quando mi stringi e piangi,
        con quegli occhi bassi e lucidi, quanto ti è costato,
        mamma... ti ho sempre amato, ho perdonato.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La serenità

          Sempre nella vita c'è un momento
          per fermarsi a pensare,
          a quel che ho fatto e cos'altro ho da fare,
          e guardo il cielo, cercando le risposte,
          ma ormai ti son cucite come croste.
          Ho riempito quel famoso paniere,
          così d'istinto senza troppo soffrire,
          perché la vita il meglio mi ha voluto offrire.
          C'è da dire che mi sono accontentata,
          e la mia strada ho percorso serena,
          qualche volta mi sono chiesta: e se...
          ma guardi quel che hai e ti senti appagata.
          Adesso posso dire di essere stata fortunata,
          ma forse perché non ho mai chiesto più di tanto,
          l'importante per me è sentirmi amata,
          dalle persone che mi stanno accanto,
          Ora voglio godermi quello che ho realizzato,
          senza alcuna pena,
          questo mi fa essere serena.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di