Scritta da: Anna De Santis

Il dolore

Ho visto nei tuoi occhi il dolore,
ogni lacrima scendeva e scavava dentro,
ho sentito la disperazione
da mezze parole.
Con la morte nel cuore potevi impazzire,
ma l'hai aspettato, senza capire,
contro quel tempo che non contava più,
guardando l'aereo che lo portava giù,
continuavi a pensare di farla finita,
troppo forte ormai sentivi la vita,
ma la sentivi perché ti distruggeva,
ti stravolgeva.
Maledetta guerra!
Davanti ad una bandiera,
sola con un figlio, che non conoscerà padre,
in grembo lo sentivi muovere insieme al tuo dolore,
e non l'avevi visto morire, te l'han detto
non volevi credere e non credi ancora,
ma quella medaglia puntata sul petto
quanto ti fa male, ti trafigge il cuore,
hai regalato per onore,
perché l'aveva giurato davanti alla bandiera,
quella che ora l'aveva coperto e accompagnato,
il tuo grande amore.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Paura d'amare

    Quando le tue braccia stringeranno il cuscino,
    nessun ricordo rimarrà, nel cuore
    mai niente proverai se non ti lasci andare.
    La tua vita scivola in un letto calmo,
    dove l'acqua non incontra inganno,
    dove le pietre non dovrai scansare,
    né le rapide attraversare....
    Non proverai gioia né dolore
    Se non hai mai avuto un amore
    per la paura di dover soffrire,
    e certamente comincerai a morire.
    Ora lanciati, è una folle corsa,
    una strada ad ostacoli da superare,
    stanca avrai modo di riposare
    ma se non provi cosa vuoi fare?
    Ricorda il rischio è sempre presente,
    ma è meglio vivere anche perdente,
    non lasciar scorrere questa tua età,
    perché il tuo cuore, senza provare, ne morirà.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Meraviglioso amore

      Meraviglioso amore,
      Dimenticarti, come,
      non ci posso pensare,
      sarebbe come spengere del sole, il suo calore
      arginare l'onda che viene e va dal mare,
      un fiume in piena che non puoi fermare.
      Il tuo amore ha riempito la mia solitudine,
      ha colmato i miei vuoti, dando senso alla mia vita
      soddisfatto le mie voglie, i sogni,
      e son tornata una bambina capricciosa
      che da te pretende ogni cosa.
      Con te ogni minuto è vita, poca e rubata,
      e poi silenzi e lunghe attese.
      Amore meraviglioso, che non decide i tempi
      per poterti pensare ed amarti,
      che sente vive con te intense emozioni
      nello stesso istante, amore amante,
      il mio sogno costante, il mio peccato ricorrente,
      ma chi ha mai potuto frenare il cuore,
      quando vive e batte col tuo respiro,
      desiderio da realizzare, bisogno di averti
      stringerti, abbracciarti.
      Meraviglioso amore come posso non amarti?
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Natale 2008

        Questo Natale, vorrei farlo ricordare,
        non son le luci, tutti quei doni,
        ma le intenzioni riposte dentro il cuore.
        Ogni bimbo sogna davanti alla capanna,
        ma quanti hanno bisogno della mamma,
        una carezza, un dono, serenità e sicurezza.
        Ogni uomo si ferma dinanzi a quel presepe,
        con la sua insicurezza,
        quell'affannarsi e correre senza pensare
        dove dobbiamo andare?
        La strada è impervia e lunga da seguire,
        basta guardare la stella e farci guidare,
        ci porterà alla semplicità, all'umiltà
        di un uomo che ha saputo amare,
        di quello che tutti dovremmo fare.
        La serenità di una vita semplice,
        senza lo sforzo per arrivare, prevaricare
        mortificare il tempo che chiede di riposare.
        Il Natale viene per far riflettere,
        per fermarsi a godere delle piccole cose,
        per volersi bene, per voler bene,
        fatevi guidare dalla stella,
        ogni cosa della vita avrà il giusto valore,
        e sembrerà più bella.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Forse ho sbagliato tutto

          Ferite che mi porto dietro,
          sogni non realizzati,
          per la fretta di crescere.
          Quello che mi gridava dentro
          ho sempre tenuto a bada,
          forse ho sbagliato tutto,
          ma ormai comunque vada
          ho scelto la mia strada,
          il fiume in piena che passava gli argini
          si è dovuto adattare ad un più giusto letto,
          ma dentro il cuore ancora e ancora
          tutta quella voglia di fare, di arrivare
          non si sa dove,
          non riesco a fermare,
          ed allora scrivo per potermi sfogare,
          per arrabbiarmi, per contestare
          son solo io comunque a stare male
          per quella voglia che mi preme dentro
          e che inarrestabile mi fa ancora vivere ed amare.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di