Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Tu impossibile sogno

Quando tutto di te non risponde,
non puoi controllare più i gesti,
e ti ritrovi a sentire accelerati i battiti del cuore,
è semplicemente amore.
Non riesci a dormire,
vai spiando i suoi movimenti, senza capire,
da quella finestra, unica confidente.
Ed aspetti che torni, ogni sera,
e su quel davanzale
hai distrutto nervosa, quel fiore che c'era,
non ha colpa nemmeno il tuo cane,
che ti chiede carezze, scodinzolando,
ma la tua testa è ormai fuori dal mondo.
E ti passa la vita con le labbra e le mani stampate sui vetri,
con i tuoi i sogni sudati
su quei desideri non appagati.
E trascini per casa i tuoi passi,
aspettandolo ancora,
ma da quella finestra, un bacio,
scorgi e non sei tu, un abbraccio,
ma quel battito dentro il tuo cuore
che ogni giorno senti senza far rumore,
ti fa vivere per ora.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Vorrei che il Natale fosse parola magica

    Vorrei che il Natale fosse parola magica

    Dammi la mano amore
    e ti porto lontano
    a vedere il dolore
    malattie e privazioni
    sono la storia di tanta gente
    che non ha più dignità
    perché  non ha niente.
    Vorrei che il Natale
    fosse parola magica
    vorrei ridare sorrisi e gioia
    a tutto il mondo
    vorrei che per tutti i bimbi
    i sogni diventino realtà.
    Vieni insieme a me, non stare seduto
    basta un piccolo aiuto
    coinvolgeremo il mondo
    basta volerlo in fondo
    e tanti bambini avranno
    possibilmente amore
    quello che a molti manca
    una casa ed una famiglia.
    Basta veder morire per inutili guerre
    fame e carestie e tante malattie.
    Scopri nel tuo cuore
    quanto tutto quell’amore
    dai a tutta la  gente
    che non ha avuto niente
    quel che hai già abbastanza tu
    e tutto quel che dai, ti ritornerà in più.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      I'd like christmas to be a magic word

      Give me your hand,
      and i'll take you away
      to see sufferings
      diseases and privations.
      It's the story of people
      deprived of ddignity,
      without anything more.
      I'd like Christmas
      to be a magic world,
      I'd like all the cildrenn
      happily to daydream.
      Come along with me!
      A small help is enough,
      we'll involve all the world.
      Will is surely all,
      and so many chilren
      will probably love,
      what everyone needs,
      a home and a family.
      Stop images of death
      because of useless wars
      of hunger, famine
      end so many diseases.
      Find out in your heart
      what you've got in excess,
      give all the people
      who haven't got anything.
      All that you have
      and all that you give
      will come back to you.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        L'attesa

        L'attesa
        I miei lunghi sospiri,
        guardando una tua foto,
        solo una speranza,
        in questa stanza vuota
        hai lasciato di te solo la tua assenza.
        E conto i giorni, ti sento e non mi basta,
        nemmeno la voglia di vestirmi,
        attraverso i vetri lacrime di pioggia,
        e quella foglia che lenta va a posarsi
        sulla mia finestra
        per un attimo mi distrae
        e ne seguo il volo.
        Così mi sento, come quella foglia,
        che il vento dagli alberi prende e spoglia.
        Aspetto di posarmi e ritornare,
        da dove son partita,
        stretta al mio ramo, ma quando... ma dove?
        La vita di chi vive in quest'attesa,
        finisce per distruggere ogni cosa,
        e ti accorgi che passano i giorni,
        sempre aspettando un sogno
        che pian piano svanirà.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Sempre

          Sempre
          Scruto i tratti del tuo viso,
          son passati tanti anni,
          sempre t'amo come il primo giorno,
          anche perché il tempo
          un po' ti ha addolcito
          quell'orso che c'era in te è sparito.
          L'amore che prima chiedevi,
          con tanta voglia e fretta,
          ora son languide carezze,
          aspetto la sera per starti vicino,
          sei tornato capriccioso e geloso come un bambino,
          ed il piacere dei nostri ricordi
          e di ogni attimo passato insieme,
          ha preso il posto tra noi, come vecchi amici,
          ma è un amore più maturo,
          fatto di complicità e rispetto,
          importante ed indispensabile,
          si, sempre t'amo come il primo giorno,
          non ho mai desiderato niente di più,
          per te che hai dato senso alla mia vita,
          insieme, fino alla fine dei nostri giorni
          per me sarai sempre e solo tu.
          Vota la poesia: Commenta