Scritta da: Anna De Santis

Il vecchio ed il bambino 2009

Ogni giorno si svegliava sempre più triste,
pensando al tempo che passava,
contava i suoi dolori
ed un altro se ne aggiungeva.
Apriva la porta ed il sole più non vedeva,
la solitudine aveva spento la sua luce.
Neanche quel fiore, il suo cardellino
riuscivano a farlo più sorridere.
Un giorno passò di lì un bambino,
vide il vecchio seduto,
si avvicinò un po' impaurito
e chiese: posso chiamarti nonnino,
sai un nonno io non ce l'ho
e vorrei mi raccontasse tante cose?
Il vecchio ci pensò e sotto la sua barba lunga,
un sorriso, una nuova luce si accese.
Ogni giorno ora era un giorno nuovo,
apriva la porta e vedeva il sole,
curava il suo fiore ed il suo uccellino con amore,
non si accorgeva del tempo che passava,
perché quando apriva la porta
ad aspettarlo c'era il suo bambino.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    la befana 2009

    Nonnina, come fa a volare la vecchina?
    Avrà un motore turbo nella scopa,
    come fa a riconoscere i tetti su cui si posa?
    Nonna che mi porterà quest'anno?
    Sono stato buono tu lo sai,
    non ho fatto nessun danno.
    Nonna che dici se l'aspettiamo alzati,
    la salutiamo gli offriamo i nostri dolci
    e quei tortini salati...
    Il bimbo dorme e la vecchia nonnina,
    prepara la calza che stava in cucina,
    la sente il bambino e lesto si sveglia,
    da dietro la porta senza farsi vedere.
    Ma allora è la mia nonna che veglia,
    e lei la befana, che dolce che amore
    e dato che l'amo con tutto il mio cuore,
    l'asseconderò, per me ci sarà sempre la befana
    e più non l'aspetterò in dormiveglia
    aspetterò che con un bacio
    venga a darmi la sveglia.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      E mo ricumnzamm

      Saddà schiattà stu iorn,
      è l'urtm dell'anno,
      ca cià tenut semp appis,
      cu na scuppetta e na corda
      e senza avvis
      puro ca stai a finì.
      Vogl verè ca muor,
      stanott ca stò all'erta,
      nun ce serv a cuperta,
      ma basta lu cel.
      Mies a chisti botti, ca finisc la festa,
      raccugliem li cocci,
      de stà vita ca resta,
      mo pruamm a ce aisà,
      comme putemm stà
      doppo ca ci si accis de mazzate,
      ma nonostante tutti li duluri ca semm avut
      avemma ricuminzà.
      Evviva l'ann ca ven e augur a tutt quant,
      speram de non ce avvelenà.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Regali e piacere

        Carino quel vestito, nuovo?
        Regalato, sai, nel pacco l'ho trovato.
        Amore mio non ricordo di averlo comperato,
        ma si, l'ho dimenticato.
        Amore non è che qualcun'altro ha pensato
        e ricambiato, cosa gli hai dato?
        Ma cosa vai a pensare...
        Amore e quel gioiello nuovo
        dove l'hai trovato?
        Sai non vorrei venire a sapere
        che a qualcuno hai fatto piacere,
        Amore, tu sai che mi piace il bello
        che male c'è ad accettare le attenzioni
        Come credi che trovi così tante soluzioni,
        sono sempre a casa sempre sola,
        sai a forza di pensare la mente vola
        e mentre tu lavori
        io arrotondo senza uscire fuori.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Il mare in tempesta

          Sono venuta per farmi coccolare,
          solo tu lo puoi fare,
          sei un vero amico e mi sai ascoltare.
          Oggi sicuramente mi rimprovererai,
          se ti confesso questa cosa
          ma non ti arrabbiare e se non vorrai,
          non perdonarmi, tutti possiamo sbagliare.
          Sentivo il tuo mugugno,
          mentre mi stavi ad ascoltare,
          sempre più forte, ma dovevo confessare.
          Tu che sei stato testimone muto,
          di questo amore nato,
          tu complice hai lasciato fare...
          ora non ho mantenuto le promesse, fatte davanti a te,
          ho seguito un sogno, oppure delusione
          chiamala pure col suo vero nome,
          ed ho perso quell'amore,
          e più ci penso più ci sto male.
          Intanto quelle onde s'increspavano,
          bagnandomi il vestito, scendeva sul mio viso
          qualche lacrima.
          Non dovevo farmi trascinare
          In una storia che non mi apparteneva.
          Intanto il mare, che più non s'increspava,
          ritirava l'onde e si calmava,
          aveva lasciato la tempesta nel mio cuore.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di