Scritta da: Anna De Santis

Angeli

Muto nel mio dolore,
con gli occhi chiusi per non sapere,
ma intorno Angeli,
che si danno da fare.
Forse sono in Paradiso, è un sogno,
non voglio pensare,
sento la mia fronte fredda,
una mano amica la viene a riscaldare,
una carezza sul viso provato
comunque ad alleviare una pena può aiutare,
a credere che c'è ancora del buono intorno,
e per quel tempo che sembra non passare,
non è poi così lungo il giorno.
Angeli che semplicemente aiutano,
con dolci parole,
angeli sottoposti ad estenuanti prove,
mai stanchi,
volano intorno, proteggono, sorreggono
questi corpi stanchi,
e ti tengono stretti e ti affidi alle loro mani.
Ti addormenti sicuro, anche nel tuo dolore,
c'è comunque quell'Angelo a vegliare il tuo sonno,
lo senti vicino e la notte leste passano l'ore.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Senza parole

    Sentirai la presenza, ovunque andrai,
    ti seguirò pensandoti e saprai
    che non sei da solo.
    La tua strada forse sarà impervia,
    ma saremo insieme,
    senza parole capirai di me,
    non vivrò che per te se lo vorrai.
    Non aver paura, tu cammina sicuro,
    con la tua mano nella mia, ti guiderò,
    sempre ci sarò.
    Non voltarti indietro,
    i tuoi errori ti faranno perdere,
    come salice affonderai i tuoi rami nell'acqua,
    per coprire lacrime,
    ma con me la forza troverai per continuare.
    Salirò con te, scalerò il dolore,
    e quando sarai stanco ti farò da cuscino,
    una mattino di sole capirai che ad un figlio
    non servono parole,
    ti guarderò negli occhi e tu li abbasserai,
    quando vedrai nei miei un immenso amore
    che ti ha seguito sempre e finalmente tu mi aiuterai.
    Mi darai la mano e proseguiremo insieme,
    quando sarò stanca, al termine del mio cammino,
    non servono parole....
    Tu sarai certo il mio cuscino.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La mia vita

      Con la forza che avevi dentro il cuore,
      ed il sole d'aprile, volevi fiorire,
      ma ancor presto hai dischiuso corolla,
      quando ancora nessuna era bella.
      I tuoi petali eran rosso vermiglio,
      con la voglia di un figlio.
      Hai cercato chi rosa potesse curare, amare,
      e affrettando quel giorno
      hai sbagliato a capire,
      la farfalla che ha aperto le ali non potrà riposare,
      con quel freddo non potrà mai sbocciare,
      in quel piccolo fiore quel cuore farà presto a morire.
      Rosa che speri, rosa che aneli,
      rosa che ancora vorresti crescere ed amare,
      aspetta il sole, sarà senza veli,
      quella che ti coglierà,
      sarà incontro al vento
      e bacerà i tuoi petali, accetterà le spine,
      sarà contenta di farsi respirare, ti regalerà l'amore.
      Ma ora sul ramo una mano distratta ha posato,
      cogliendoti in boccio...
      la vita che ancora sognavi è svanita,
      e corolla è appassita.
      E lacrime vere di grande dolore,
      perduta la vita, ma salva in un colmo bicchiere,
      da mani pietose, che raccolgono il fiore,
      e l'acqua disseta la rosa che riprende sua vita,
      non era finita...
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        A te

        Anime in pena, che sentono il dolore,
        comune gaudio, comune stupore,
        angeli che piangono sulla miseria umana,
        vegliano e ignorano ogni cosa vana.
        L'importante è la vita in ogni creatura,
        e di questa che noi abbiamo cura,
        tutto passa, ma l'amore resta,
        e l'angelo che c'è in noi lesto s'appresta,
        dove c'è bisogno, dove infranto è un sogno,
        dove grida quel bimbo,
        dove una mamma piange,
        dove il sangue tinge.
        Ti porge la mano, a chi non è rimasto niente,
        ma noi angeli, tra l'indifferenza,
        non possiamo niente,
        un sorriso non basta, e scuotiamo la gente,
        con le nostre preghiere, che nessuno sente.
        Ma continuiamo a strillare,
        qualcuno sentirà... non così,
        non si può far finta di niente,
        c'è gente che continua a morire.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di