Scritta da: Anna De Santis

Saprai dove trovarmi

Dove verrai a cercare, quello che rimane di me
forse dove il vento si confonde
dove le voci si sentono sempre più lontane
dove gli occhi si perdono
ed i contorni spariscono.
Mi cercherai nei tuoi pensieri, se vorrai
mi terrai geloso tra i ricordi
ed orgoglioso come sei
mai mi dirai che è vero.
Il mare grande amico mio
mi porterà il tuo canto, che assomiglia al mio.
Avrai voglia di rivedermi
di tornare indietro
ma è troppo tardi per ricominciare.
L'amore si deve coltivare
come una pianta rara
che aspetta per sbocciare.
Tu lo hai tenuto a secco
senza annaffiare
mai una lacrima, mai una scusa
per recuperare.
Ora vai cercando quel che hai perso
e sai dove trovarmi...
Ma che io torni indietro
non c'è verso.
Anna De Santis
Composta nel 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Buio

    Passeggiavi lungo quel viale
    che ormai conoscevi
    le foglie in quel settembre
    cominciavano a cadere
    In volo sfioravano il tuo viso
    un brivido per quella carezza.
    Il sole tra le nuvole nascosto
    ogni tanto un raggio
    ma non ti accorgevi
    un ulteriore brivido per quel po' di calore.
    Con una stretta al cuore
    pensavi che solo quella, era la tua strada
    altro non potevi fare
    sola nel buio dove ti trovavi...
    Le tue mani sull'erba un po bagnata
    per sentirne l'odore
    di quella rugiada non ancora evaporata
    ed era la tua, una lunga camminata
    in quel viale alberato, senza principio ne fine
    fatta al buio di una triste giornata
    Nei tuoi occhi ormai, solo ombre
    che nella nebbia si perdono...
    come al tramonto, per te, nell'infinita nottata.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Paura

      Cos'è quell'ombra
      sul muro della stanza
      accenderò la luce si allontanerà.
      Cos'è quel fruscio
      s'ode il vento, chiuderò la finestra
      non si sentirà.
      Cos'ho nella testa
      tutti questi pensieri
      non mi fanno riposare
      ma è inutile, mi poggio sul cuscino
      non riesco a stare
      pulsano nella testa
      vorrebbero uscire.
      Stringo il viso con le mani
      cercando di contenere
      quello che mi sta scoppiando
      ma inutilmente e piango
      forse con le lacrime
      spariranno quei fantasmi
      impegnati ancora in una danza
      sui muri di questa immensa stanza.
      Calmerò l'anima
      riuscirò a dormire
      ma domani un altro giorno ci sarà
      che mi farà paura....
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        È di nuovo sera

        La prima stella
        appare nel mio cielo
        a te rivolgo questa mia preghiera
        a te che sei la Madre
        ed hai avuto dentro quel tuo seno
        Il padre e il figlio
        eppure immacolata.
        Madre amata, prescelta per amore
        per la tua fede immensa
        apri il mio cuore, tienimi la mano
        o non potrò dormire.
        Sotto queste stelle non riesco a capire
        perché chi troppo vuole fare e dare
        comunque avrà dolore
        come te che hai visto l'unico tuo figlio
        morire
        e strapparti il cuore
        ora per me è lo stesso
        aiuta a superare il mio dolore
        che non mi fa più vivere
        ti prego stringimi al tuo seno
        fammi dimenticare
        ma è passato un giorno ancora
        e sto qui a pensare
        che è di nuovo sera...
        e sono sola.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Un fiore

          Un fiore amore
          metterò tra i capelli
          rosso come le mie labbra
          che sapranno cercare in te la voglia.
          Lento come un fiore si spoglia
          spargerò i petali, per averti ancora
          sopra la mia pelle.
          Ad uno ad uno li accarezzerai
          non finire mai
          sempre continuerai a ripetere
          m'ami o non m'ami
          finché l'ultimo petalo
          ti rimarrà sulla bocca e mi bacerai.
          Tua sarò e lungo i miei fianchi
          sarai onda che va e ritorna
          nel mio seno ti accoglierò.
          Sarai calma ed ardore
          sarai di nuovo quel fiore
          e spargerai i tuoi semi
          ed io gelosa li conserverò.
          Resterai a guardare
          ancora mi sfiorerai
          cercandomi
          ma quel tuo amore lo difenderò
          e sarà vita, la mia, la tua vita
          ora è dentro me.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di