Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Er pupo

N'antro pupo viè ar monno
tra lacrime e sospiri
drentro l'ha sentito
che nun era cosa
e nun voleva uscì.

La mamma che spigneva
er dottore lo pregava:
Dajè signò n'antra spinta e nasce.

Te metteno subito
come starai pe sempre
gnudo e co la testa sotto
ma chi me l'ha fatto fa
me so affacciato pe vedè intorno
e so rimasto fregato
me so sentito tirà da na manona
che er cordone ombelicale m'ha tajato
che alla mia mamma me teneva stretto

Doppo che m'hanno dato du schiaffoni
e messo a mollo
c'è stato er contentino
mamma mia che gran succhiotto
l'unica cosa bona era quer latte da quer petto
In tutta la giornata.

Poi come un fregnone me so addormentato
ho finito da piagne e me so sognato
ho pensato che sta vita nova
nun è poi tanto male
se scenne e se sale
ma basta che te scegji poi la scala
o la via in piano
che dovemo da fa.... provamo
tanto ormai ce stamo....
Composta nel 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Finalmente io

    Quando la vita non ti restituisce il dato
    quando alla fine nessuno ti ha capito
    è ora di pensare a te.
    Non è mai troppo tardi
    e non è banale, data l'età
    parto con vantaggio
    da qui il mio viaggio
    con un grande bagaglio.
    Le esperienze fatte possono servire
    ma per ricominciare
    devo dar retta al cuore
    l'unico da seguire.
    Posso sbagliare, soffrire ancora
    ma vale onor la pena
    la vita è questa...
    Niente mi resta, se sto a guardare
    corre il mio tempo
    e mi lascia indietro
    ora son io che lo farò aspettare
    voglio fare, vivere ed amare
    ho dato troppo, son rimasta delusa
    mi spiace ma non è una scusa;
    ma da chi più ami sei rimasta esclusa
    non riesco più a sognare.
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      A te... Stefania

      Un sorriso sempre, nonostante il dolore
      i continui silenzi
      ma immutato l'umore.
      Parlavi piano per non respirare
      agli altri sembrava dolce quel tuo fare
      ma quanto ti costava fingere
      di essere normale.
      Una persona speciale
      che non poteva piangere
      hai saputo dare a tutti forza e amore
      eppure quanto sforzo in un solo gesto.
      Alla tua vita, dove hai messo l'anima mancherai
      al tuo lavoro: ci hai lasciato il cuore
      rimpiangeranno tutto quel da fare
      e non lasciavi mai...
      voglio tornare;
      queste, le tue ultime parole
      dai tuoi amatissimi figli,
      al tuo grande amore.
      Ma chi per noi, già aveva stabilito
      ti ha scelto nel suo cielo
      sarai un angelo tra gli angeli
      sicuramente il preferito.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Come potrei

        Il tuo nome l'ho scritto su nel cielo
        dove arriva solo l'armonia
        dove coperto ti avevo con un velo
        volevo averti solamente mio.
        Ti hanno cullato la musica ed il mio amore
        mai ti ho lasciato solo
        ti stringevo al cuore
        e mai regalo mi fu più gradito
        il tuo sorriso da quando sei arrivato.
        Con le labbra ti sfioravo il viso
        mentre dormivi sicuro stretto a me
        ti toccavo i capelli e sognavo con te
        ti addormentavi, ascoltando le mie favole.
        Ora di te che sei cresciuto
        raccolgo solo briciole
        e tutte le promesse
        quei baci, quei ti amo
        me li fai pesare, desiderare
        ed è giusto ora, che il tuo interesse
        sia rivolto altrove
        ma allora io non ho contato niente...
        mi hai solo usato
        mi sono fatta usare
        e non ricordi più... amore.
        Composta nel 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Sabbia

          Sarò sabbia tra le tue dita
          che lascerai cadere
          per te sarò finita...
          Tutto hai distrutto come i tuoi castelli
          sogni e quanto
          tutta la mia vita
          passera per te
          scrollandomi di dosso
          ma per me un tormento
          che dura fino adesso.
          Come potrei mai dimenticare
          se manchi a questa bocca
          manchi al cuore.
          Passeggio sulla spiaggia
          e guardo l'onda
          che accarezza i miei piedi
          ed i miei sogni affonda.
          Non ci sei più
          ma all'orizzonte guardo la linea infinita
          che divide il cielo e il mare
          mi riporta a sognare
          e penso che per me non è finita
          rivoglio la mia vita
          guardo dove comincia a tramontare.
          È stupendo a quest'ora il mare.
          Si... ritornerò ad amare.
          Composta nel 2009
          Vota la poesia: Commenta