Scritta da: Anna De Santis

Nonno... 2009

Nun me sembrava vero, quasi un tocco me pija
ma alla notizia che aspettava un bimbo
quella che fino a mo ancora era fija...
Nonno, sto pe diventà nonno
un po' rincojonito e vecchio
me so guardato allo specchio
e me so ritrovato na ruga in più
sopra quer sorriso che nun me lassava
puro na lacrima scenneva
sopra sto viso, che nun conosceva pianto
mi fija m'aveva fatto sto regalo
mentre la vita in un momento me passava...
Quanti ricordi, scusa se quarche vorta me so scordato
e na carezza m'è rimasta tra le mani
e nun t'ho baciato
ora ciò che me tremano, ma c'è sempre domani
tante te ne farò pe ringrazziatte
perché co sto fagottino m'ha ridato
tutto er tempo passato
quello che me so tenuto e nun t'ho dato
spero che sta piccolina
nun s'accorgerà, tenendola quà ar petto
che so stato stretto co li sentimenti
ma sai che te dico amore mio, io nun so come tutti li parenti
che n'braccio te vonno
devi da volè bene solo a me che so tu nonno.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Silenzio

    Dove era la vita
    ora è silenzio
    tra le pietre ricordi.
    Scava una mano tra quello che rimane
    dei suoi resti
    ogni pezzo di te ormai è sepolto
    tra detriti e paura e ricerchi con cura
    quello che è il tuo passato.
    Dal vecchio monastero
    ancora s'ode una campana...
    ora la gente muta
    ascolta e tace
    senza darsi pace su chi in terra giace.
    Ancora la pioggia
    non ha lavato pietre
    in terra intrise di sangue e polvere
    ancora echi di voci ormai lontane.
    Delle tante fontane
    uno zampillo resta
    e la gente rimasta si appresta
    a raccogliere anche l'ultima goccia.
    Come fantasmi vanno
    a tarda sera tra le fioche luci
    di lampade di cera.
    Ancora un fiore proverà a sbocciare
    in questa triste primavera.
    Anna De Santis
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Dov'è pace

      Dov'è più pace
      quando il cuore è a pezzi
      quando goccia a goccia
      il sangue ti si gela dentro.
      E morte di nuovo ha fatto centro
      spazza via in un attimo
      tutto quello che avevi sognato
      Il futuro che avevi disegnato...
      Tutto cancellato
      da una guerra inutile
      difficile da capire
      quante vite giovani perse
      pronti a morire
      corpi dilaniati
      in condizioni avverse...
      parte di loro resterà in terra
      sarà calpestato;
      era solo un soldato...
      Vuoti incolmabili e tanti dubbi
      lacrime, ricordi e lunghissime giornate
      ad aspettare invano chi non ritorna
      a ricercare una ragione
      di tanto dolore
      ma per ogni morte
      resta solo l'onore.
      Anna De Santis
      Composta nel 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La vita, l'amore di una mamma

        Inizia con un grido
        soffocato a stento
        dentro quel ventre ci stavi stretto
        una lacrima e tanti sogni
        e fiori sparsi sul letto
        mentre il tempo scorre lento.

        Hai tutti intorno
        che ti riempiono d'amore
        ed una mamma che ti stringe al cuore
        con occhi ingenui, guardi al futuro
        mentre cresci
        forte e sicuro.

        Le tue mani poi
        stringono altre mani
        ti accorgi che sei grande
        pronto per amare
        ti svegli, è già domani.

        Lasci tutto per seguirla ovunque vada
        non ti importa dove
        e segui la tua strada.

        Sarà di fiori profumata
        o di sassi e crepe lacerata
        il tempo ti passerà lesto
        attento e lento camminerai
        dimenticando il resto.

        Dei tuoi ricordi quanto lascerai
        e di tutte le nostre note
        rimarranno pochi accordi
        che non ascolterai.

        Finirai col non sentire
        In fondo disperata la tua anima
        né vedere, mentre tutto scorre
        ed un grido ed una lacrima
        una stretta al cuore
        ti riporterà al mio amore
        che per anni avevi cancellato.

        Portami un fiore...
        Io sempre ti ho cercato.
        Anna De Santis
        Composta nel 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          A chi...

          Per chi fingere
          quando scoprirò le carte
          e metterò il mio orgoglio da parte.

          Solo al buio tolgo questa maschera
          e quanto pesa
          sotto un velo di lacrime
          tenute a stento nascoste
          ma ancora non mi sono arresa
          faccio male a me
          ma non posso fare altro
          sono incatenata a una vita
          che non mi appartiene.

          Nessuno mi trattiene
          ma troppe le convenienze
          e i miei tanti se...

          Niente di più sbagliato
          un giorno ancora è passato
          senza farmi sentire
          che anch'io esisto
          ma con una forza che non pensavo
          continuo e persisto.

          Ci sarà un giorno
          che mi farò pena
          mi sveglierò guardandomi allo specchio
          ma saranno passati tanti anni
          sarà il mio viso a testimoniare per me
          che non ho mai avuto
          la forza ed il coraggio di gridare.
          Anna De Santis
          Composta nel 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di