Scritta da: Anna De Santis

Quando...

Se la sera è il momento che più di te ho bisogno
quando manchi e ti penso con lei...
E le tue carezze i tuoi baci
e quei fugaci incontri
il tempo e l'amore vissuto sempre più intensamente
come se fosse l'ultima volta...
E aspettiamo il giorno l'ora ed i minuti
che con te passano lenti
e mi ripeti aspetta ci sarà un tempo per noi.
Manchi quando il sole dietro la finestra
manda il primo raggio sopra il mio cuscino
e sogno quel bambino che un tempo mi hai promesso
e ci penso spesso.
Intanto le stagioni a forza di passare
non ricordano dove...
È passato un anno e poi un anno ancora
ed in questa casa sono sempre sola
ma il mio sogno resta
e quella promessa...
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Quando nasce... e cresce

    Non domandi il nome
    comunque senti che è solo quello giusto
    e ti chiedi come
    intanto nasce e cresce senza una ragione
    ed a scena aperta scopri le tue carte
    e ti senti libera e diventa ossessione.
    Senza mai rimorsi tu continui a morsi
    quello che pretendi
    e non senti consigli non cedi e imbrogli
    perdi pezzi della vita
    ed il tempo non aspetta
    cadi e ti rialzi e cedi alla vendetta
    poi ti accorgi che la troppa fretta
    non ti ha fatto pensare.
    Dove mai è finito tutto quell'amore...
    eppure dentro cresce e rimane sempre
    come una candela che consuma la cera
    cerchi le sue mani nella lunga sera.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Perdersi...

      Dove l'ombra si calma
      e trova il suo posto
      come un anima in pena
      si nasconde dal sole...
      E rimane lì ferma fino a giungere sera
      ma l'eterno lampione
      con la luce soffusa la ritrova confusa
      e la spinge sul muro...
      Perdersi
      strano a dirsi molto difficile attuarlo
      dove trovare un posto per non farsi cercare...
      Come vorrei a volte sparire
      oppure farmi aria senza farmi sentire
      Eppure questo cuore ovunque
      accelerato ha il battito
      che non hai ascoltato...
      Non si può smentire.
      Perdersi
      ed andare lontano ed oltre
      dove non pensare...
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Figli

        Un aquilone... un raggio di sole
        un vento birichino
        e torni bambino, ti lasci trascinare
        corri sulla spiaggia, ti vai a bagnare
        e ripensi ai tuoi figli che non hai seguito
        quando potevi e non hai sentito
        ed ora solo cammini su quell'immenso deserto di sabbia
        pentito
        vorresti abbracciare quelli che ora son cresciuti.
        Li vedi arrivare in lontananza
        figli ormai grandi e li senti distanti
        hanno altri pensieri diversi dai tuoi
        e vorresti pagare, vorresti scontare
        anche qualche anno della tua vita
        per ritornare ad esser padre e amico...
        Ma troppo tardi per recuperare.
        Figli che non ci accorgiamo
        figli che non ascoltiamo
        quando tutto il tempo passa
        e niente di loro resta
        la prima parola, il primo passo
        non ci si fa caso
        presi dalla fretta della nostra vita
        che non abbiamo aspettato
        che bastava un minuto
        Il meglio ormai è così lontano e perduto...
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          S'addona

          S'addona ca stu tiemp s'è cagnat
          l'aria è fresca
          la jurnata s'è accurtata
          e notte scenne ca manc te rivuot
          e lu camin fuma sopra a chigl titt
          e la terra s'arrenchie e foglie
          e tutte l'arberi spoglie.
          Lu sol la matina s'abbruuogna
          e reman sotto a chella nuvola n'cel
          ca nasconn tutt e remann sol poca luce
          giust pen'ce sveglià
          pe n'ata croce.
          Te viest n'fretta e nun truov pace
          ca la terra t'aspetta
          e nun conosc viern
          s'adda vangà, s'adda seminà
          e lu gel ca te pogn sta faccia
          te lassa senza fiat
          e a sera tuorn a casa ca te si arrancat
          l'unica soddisfazion so chelle faccie
          ca t'aspettan annanz o tavolin
          e te scuord tutt a fatica
          annanz a sta criatura
          e t'adduor cuntient fin a gliu matin.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di