Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

A processione

Ogni anno, come a sempre
Da na terra luntana
È turnata a madunnina.
Na statuetta piccolina,
che raccoglie tutt'intorno
tutta gente a lei devota.
Dalla chiesa illuminata
esce con la croce in mano
il Priore e il sacrestano
e po tutto o baldacchino
con in trono la statuetta.
Pare proprio na Regina.
Quattro uommn fursuti
se trascinano l'altare
dò stà posta a Madunnina.
C'e la folla co e cannele,
ca se struiono pe via,
segue tutta a processione
a cantà la litania.
Quanta gente agli balcuni
co e coperte in bella mostra
tutte quante appese fori,.
E creature coi cestini
spargon petali di fiori.
Quann'è bella a madunnella,
giusto dietro a chella folla,
s'entravede na nennella,
stretta, stretta la manina,
attaccata alla gonnella,
de na femmena annascosa,
pe la pena e la vergogna,,
che pe cancellà un c'è cosa
quante lacreme scennevano,
da chigli uocchi tristi e belli, I.
"Chella È figlia D'O peccato"
Se sentiva mormorà.
Se fa avanti n'omo intisto
e cu l'uocchi alluciditi,.
Na carezza n'goppa a o capo,
gliè fa a chella vagliuncella, :
sissignori song o pate,
ne finitela cummari!
Nun è figlia d'o peccato:.
Perdonate oi madunnè!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Voci nella notte

    Voci del dubbio,
    di paesi persi.
    La luna è lontana.
    Le mani protese, verso questo cielo,
    le stelle contese, da mille desideri.
    Voci d'innocenti,
    saliti come ombre,
    brillano, come stelle cadenti,
    ancora gementi, inghiottiti dall'onde,
    bugiarde, come la speranza,
    uccisi in guerre senza onori.
    Voci pentite,
    di donne represse,
    ingannate da finte promesse,
    coperte da un velo e dalla paura,
    voce silente,
    di bambini senza lacrime,
    che non hanno forza,
    non sentono dolore,
    senza dignità né amore.
    Voci dell'anima,
    che non conviene sentire,
    mentre loro vanno a morire.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Donne

      Siamo donne,
      passione, ossessione,
      mine vaganti, fiori profumati,
      farfalle variopinte.
      Segrete amanti, amiche,
      malinconici rimpianti.
      Sole, sale della vita,
      ingenue e bugiarde, maliarde.
      Pronte a carpirti il cuore,
      per poi buttarlo a mare.
      Ruffiane quanto basta,
      pensi di conquistarle,
      ma loro già hanno scelto
      e sei tu a capitolare.
      Calcolatrice e grande stratega,
      donna strega, finta dolcezza,
      mortale carezza.
      Morbido desiderio carnale,
      torbido e sensuale,
      donne e amore.
      Vota la poesia: Commenta