Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Er dottore e la strega

Un giorno me chiamò er dottore,
me disse che su quelle carte
lo specialista m'aveva condannato.
Che male ciò, dimme è proprio er core,
che dici dottò de certo è morte?
Si; me fece er medico: sei nato e sei scaduto.
Mejo pijalla bene mo sta cosa,
te conviene vive un giorno da leone
che cento da pora pecorella.
Diceva bene, ma co l'ironia
ce faccio poco che la pelle è mia.
Bè visto che pe poco deo da campà
grandi soddisfazioni me deo da levà.
Torno da quella strega de mi moje
e je presento er responso der dottore,
je dico: fino a mo come ho campato?
Mo, me so proprio rotto li cojoni
non vedevo l'ora che fosse finita.
Faceva finta che nun m'avea sentito
ed è normale perché mai aveo contato,
prima abbassavo le scelle quanno che strillava,
facevo tutto quello che voleva,
pe nun la stà a sentì.
Ma dopo che m'hanno dato sta mazzata
un po' me rode ma so pure contento.
Mo posso fa er padrone a casa mia,
e tutti zitti perché stò morendo.
Li fij tutti boni dentro casa,
aspettano che passi a miglior vita,
le pantofole, la sciarpa er mozzicone,
finalmente facevo da padrone.
Mi moje come n'omo me trattava
a ciccia sta malattia me stava.
Un giorno se sente na telefonata
è der dottore; mi moje arza la cornetta,
pe non fa scomodà sto moribondo
je dice: dica a su marito
che pe l'analisi me so sbajato,
je dica pure che grazie a Dio è rinato.
Domanno alla signora: amò chi era?
Er medico tuo volea sapè cm'eri
e mi ha detto che poco tempo resta.
Comme stò male me sento li dolori dappertutto
e drentro l'ossa me sento distrutto.
La strega incassa e nun me dice niente,
ma me comincia a fa firmà le carte.
Visto che manca poco all'antro monno,
che dici amore mio se viè er notaio?
Sistemamo mo ste quattro cose,
stabiliamo er tutto, lassamo giusto per il funerale.
Quanno me mancherai...
Dopo che avemo fatto cor notaio,
te porto all'hospedale amore mio,
so solo accertamenti, mi ha detto er tuo dottore,
te devono dà certi medicamenti,
così non soffrirai povero amore.
Io ci ho creduto, troppo era cambiata,
e qui me so sbajato un era fata.
La strega preparò na valigetta,
co drentro er pigiama e n'antro cambio,
ce devi rimanè solo pe poco,
quanno stai pe morì te porto a casa.
Qua mi ha lasciato quella vecchia stronza,
e intanto, se prima stavo bene,
mo me s'è arzata la pressione,
so scompensato e ciò sempre un voto in testa,
ripensando a tutta sta questione.
Mo vorrei pijà quer mio dottore,
che m'ha procurato questi guai
e dije: spera che nun esca mai.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Se fà ma nun se dice

    Se sente na vocina da na tomba,
    è na vecchietta morta tempo fà.
    Sei fresca fresca e giovine me pari,
    a n'antra sarma,
    perche sei quà?
    Mi marito pe no sgaro m'ha ammazzato cor cortello,
    e come na cretina jel'ho puro confessato,
    è stato bello!
    E la vecchina: nun te posso manco dì,
    che n'antra vorta,
    fai tutto quer che voi,
    ma nun jè fa capì li cazzi tuoi,
    ho campato cent'anni, e mo so quà,
    quanto m'ha so goduta
    ma mai l'ho confessato a quello là.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Gocce di vita

      Gocce di vita

      Confuse, profuse,
      rubate, sprecate,
      tra mani sudate,
      tra dolci parole e bocche vogliose.
      Tra luci soffuse
      e strani sapori ed odori di muschio...
      e di voglie ormai spente.

      Il mio sogno

      Il mio sogno, la fantasia
      è come un gabbiano
      che ha ali spezzate,
      non riesce a librarsi nel cielo
      più in alto, ma piano si posa
      su prora di nave
      e si fa trasportare.

      Vergogna

      Creature che mute,
      da bocche serrate
      da rabbia e paura,
      camminano piano,
      sperando invisibile velo le copra.
      Vergogna, la loro compagna le frena
      e l'urlo non senti.
      Dolore nascosto, terribile tarlo,
      le logora dentro.
      Non hanno più vita.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Ricordi sfumati

        Sono ritagli di tempo,
        ricordi sfumati,
        lontano da casa,
        amici ed amori passati.
        Vissute stagioni
        pentimenti e ragioni
        aspettando di crescere in fretta.
        Esperienze ed emozioni,
        la mia mamma è lontana.
        Il mio mare, la luce del sole
        la mia canna da pesca,
        l'aquilone.
        La mia mamma non c'è.
        Le mie corse in riva al mare,
        i castelli di sabbia,
        costruiti e distrutti;
        Come i sogni, dalla rabbia.
        Ho vissuto in paradiso
        ma lontano da casa,
        pensando di essere stata abbandonata,
        eppure sono stata tanto amata.
        Vota la poesia: Commenta