Scritta da: Anna De Santis

Domani ti chiamo

Mi hai detto domani...
Ho aspettato,
ma quando mi chiami?
I miei occhi son persi
sul nero strumento
che separa il mio amore,
un continuo tormento,
quando sarà quel giorno
che squillerà al cuore?
Ci ho creduto,
il tempo è passato
il mio sguardo è cambiato,
ancora ti aspetto
mi treman le mani
sul nero strumento,
avevi detto... domani.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Devi restituirmi il cuore

    Voglio un'ultima cosa se vuoi andare via,
    la valigia è là non ti preoccupare,
    io non ti trattengo ti lascerò andare.
    Le lacrime asciugherò, non saranno le mie,
    forse un po' dei ricordi, che presto passeranno,
    come rugiada che asciuga col calor del sole.
    Rivoglio quello che ti avevo dato:
    devi restituirmi il cuore.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Dal dottore

      Signorina si spogli,
      si guardi allo specchio
      c'è qui la bilancia
      si pesi... si pesi.
      Il corpetto non tiene più il seno
      le forme straripano un po',
      un tempo la vita era ben delineata,
      come mai non si è più controllata?
      Ormai i miei amanti
      disertan l'alcova
      e senza far caso ai loro commenti...
      sbagliavo.
      Ora giudichi lei:
      preferisce un bel piatto di pasta
      o una notte di sesso?
      Questo o quello comunque è un piacere.
      Su ci pensi un po' su, qualche chilo togliamo,
      un massaggio qua e là
      e si torna all'antica beltà.
      Il mio medico è stato sincero,
      ma il consiglio non basta,
      io vorrei ritornar ad esser bella,
      ma davanti a un buon piatto di pasta.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Coriandoli

        La mia vita son coriandoli
        che ho buttato a piene mani,
        con l'ingenuità di un bimbo
        che non pensa al suo domani.
        C'è stato un tempo,
        che era sempre carnevale,
        non conoscevo lacrime,
        finita è la festa e quel che resta
        son solo coriandoli,
        ovunque calpestati,
        pezzi della mia vita ormai perduti,
        li guardo e sto male
        ma non riesco a credere
        che sia finito il carnevale.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          C'era una volta un ramo di rosa

          C'era una volta un ramo di rosa,
          cresciuto in fretta dinanzi alla mia casa.
          Rosa Spina dall'intenso profumo,
          sopra un albero si era arrampicata.
          Tutto il suo tronco di spine era trafitto
          e permetteva succhiasse la sua linfa,
          perché per amore ormai era sconfitto.
          Portò quei segni per lunghe stagioni,
          godendo del suo abbraccio
          e del profumo dei suoi fiori a primavera.
          Una mano assassina
          troncò la vita a Rosa Spina
          che cadde ai piedi del suo amore.
          L'albero appassì e perse le sue foglie,
          ma sul suo tronco
          son rimaste di spine le ferite.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di