Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Se solo se fermava al sesto giorno.

Na mattina er Signore
sentendose da solo ed annoiato
in mezzo a tutto quer creato,
pensò che er monno mo annasse popolato.
Se mette d'impegno e co sette giorni
s'è ben divertito
ed ecco che er monno s'è presto riempito.
Strani animali, piante e ruscelli,
su per il cielo un volo d'ucelli,
L'omo s'era scordato
ma impastò un po' de creta
e presto rimediato.
Pe poté parlà co cuarcuno,
s'era fatto er pupo
ma questi nun parlava co nessuno,
solo se sentiva
e pe tutto l'eden girava;
de più nun poteva.
Bè certo ce vò compagnia, pensò bene Dio:
Adamo! Chiamò ce penso mo io,
te creo la donna, ma poi ripensò:
nun so cosa sia, provamoce un po'.
Na costola torse a quer poro cristiano,
co tera er signore impastò,
bastò solo un soffio e bellezza sbocciò.
Tutto er core s'aprì,
er giardino divenne un ber paradiso e fiorì.
Jè costò un botto sta pora costata
e doppo s'accorse della grande stronzata.
Eva jè mise nome perché prima,
ma tutti li difetti ce li aveva,
voleva comannà su tutti quanti
puro su Dio e li comandamenti.
Adamo come un cane la seguiva
e da le sue labbra penneva,
dietro ar consiglio de na serpe
amica d'eva, puro la mela proibita se magnava.
Pe nun sentì nostro signore
dar paradiso presto fu cacciata,
e Adamo co lei.
Da lì cominciarono li guai
che se ascorti donna... danno,
nun finiscono mai.
Mai frase fu più giusta,
pe quelli che doppo so nati:
" mejo soli che male accompagnati".
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Me so un tantino stancato

    Tutto er mio potere l'ho perduto,
    l'ho distribuito un po' per uno.
    Io nun scenno più a tera famose a capì,
    quanno me volete io so sempre quì
    Pregate e ve sarà concesso,
    chi nun me conosce vojo giustificallo,
    ma voi che me chiedete questo e quello,
    senza mai un grazie, tutto v'è dovuto.
    Io se sa che so bono,
    ma quanno che so sceso,
    m'avete tradito e venduto
    ar mijor offerente pe trenta denari,
    me so ritrovato a na croce appeso...
    senza aver fatto niente.
    Me so solo concesso a tanta gente
    chi me chiedeva er miracolo
    l'ha avuto grazie a Dio
    e mo m'avete già scordato?
    So io che parlo e a vorte parlo solo
    me so un tantino stancato;
    e sì che v'ho sempre perdonato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Lassamo er monno comme se trova

      Senti jè disse la gallina ar gallo,
      è ora che anco tu te covi l'ova,
      so stufa de stà sempre quà drentro
      vojo annà a passeggià un po' de libertà.
      Certo, je disse er gallo assai contento,
      de potesse un poco riposare,
      me piace questo cambio,
      però me devi da promette
      che alle 5 svej er mio padrone,
      devi da cantà presto ogni mattina
      sennò te rischi na bastonatina.
      Va avanti per un po' la gallinella,
      tutta sera su pe l'aia abballa
      e ogni mattina all'arba va a cantà.
      Doppo quarche mattina nun se sveja più la gallina
      che tutto er giorno avea razzolato.
      Ecco er padrone che se fa sull'uscio:
      gallo che te sei inceppato?
      Mo vengo giù te sgozzo e me te magno,
      impaurita la gallina
      se rifugia ner pollaio
      mentre er gallo se sente strillà.
      La storia te insegna che co le femmine
      li patti nun se ponno fà
      quanno che vengono pe te aiutà
      te vonno solo rovinà
      e te se rigirano comme ponno fà.
      Scusame dello scambio burrascoso,
      fa la gallina ar gallo
      abbassanno le scelle,
      nun pensavo fosse così pericoloso.
      Rimettemo er monno comme stava
      tu canti la mattina, io covo l'ova.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Il vulcano

        Seduta davanti a quel foglio,
        parole confuse mi vengono in mente
        e dò spazio alla mia fantasia.
        Tutto quello che ho nella testa,
        tutto quello che non riesco a dire,
        l'emozione che l'anima cela.
        Troppo spesso si accende il vulcano,
        e trattengo le lingue di fuoco,
        tutto quello per cui vuoi scoppiare
        tutto quello che vedi andar storto,
        lo vorresti bruciare col tuo magma fondente.
        Poi capisci che cenere
        troppa sarebbe a te intorno,
        ed allora ringoi quei lapilli,
        e spegni quel fuoco,
        ma quanto ti costa bruciare poi dentro
        andare avanti...
        e far finta di niente.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Inutili guerre

          Inutili guerre

          Tutto il male che avvolge la terra,
          manifesta in bagliori e con tuoni assassini.
          Tutto l'odio di gente esaltata,
          da strane promesse,
          da religioni assurde.
          Guerre inutili, pilotate da uomini meschini
          mossi da biechi interessi.
          Numeri che partono e uomini che tornano,
          con ritrovata dignità,
          e relativa medaglia " alla memoria".
          Pochi diventano eroi, e gli altri?
          A noi gente normale,
          che crede ancora a pace difendere,
          non rimane che strazio nel cuore
          per le povere vittime
          che follia ha immolato.
          Vota la poesia: Commenta