Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

San Pietro m'ha insegnato

Un giorno in sogno,
me se aprirono le porte der Paradiso,
me se parò innanzi S. Pietro
ed io con un sorriso, jè chiesi:
Comme me trovo quà?
Mo stavo drentro ar letto...
S. Pietro: nun sò, mo vado a domannà.
Intanto li Angeli
me se pararno incontro,
me pregarno de riposà,
perché in vita tanto avevo lavorato.
Chi me portava un dorce,
chi un fiore, e co quanto amore.
Tornò, intanto S. Pietro
ma nun me potette spiegà
perché stavo là.
Ormai che te ce trovi, vedi comme se stà,
e se te conviene poi restà.
S. Piè, je risposi, troppo ci ho da fà
sulla tera ho lasciato la famija
sai comme stanno a piagne!
Hanno ancora bisogno...
Viè quà, disse S. Pietro
vedi già se stanno a fà li conti.
Me so svejata tutta sudata,
meno male che è stato solo un sogno,
na lezione però S. Pietro me l'ha data,
quanno so cambiata...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Li animali dovevano decide chi doveva comannà

    Doppo aver creato er monno,
    li animali andiedero tutti dar Signore
    pe jè chiede chi tra loro, potesse fa l'imperatore.
    Er signore aveva già capito,
    che comunque avesse deciso, nun era mai gradito.
    Tutti commannate;
    basta che nun ve le date.
    Doppo un po' cominciò la guera,
    e divenne un casino sulla tera.
    Andiedero di nuovo dar Signore,
    pe nominà sto benedetto imperatore.
    Così nun potemo trovà n'accordo,
    e de pace quaggiù nun c'è che il ricordo.
    La prima cosa che dovemo fa,
    e che me tocca de ve separà.
    Le bestie feroci da na parte,
    e quelle bone se devono da sparte,
    cercamo de ce accommodà,
    altrimenti sta cosa avanti nun po' andà.
    Er leone stà a capo delle bestie della savana
    e er verme a capo degli altri, nella sua tana.
    Er verme! Le bestie tutte incazzate;
    signò ma puro tu spari certe cazzate...
    Er signore tuonò:
    decido io se ce state o no!
    Er leone perché delle bestie decide le sorti,
    e er verme, perché ve fa monnezza doppo che sete morti.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La mia micia

      La mia micia cominciò a guaire,
      era tempo di partorire.
      Un po' di stracci per sistemar la cuccia,
      dove felice s'adagiò, aspettando le doglie.
      Volle tenermi vicino,
      strofinando sulla mia mano il suo musino,
      alla fine del giorno, nacque un bel gattino.
      Ancora mi guardò negli occhi,
      pregandomi di restare,
      altre sorprese mi doveva fare.
      Tre o quattro gatti ancora non si sapeva,
      ed il tempo passava...
      Tutto il giorno trascorse,
      da lì non si muoveva
      e di nuovo la sentii guaire,
      un altro micio stava per uscire.
      Seguirono altri due,
      finché stanca si addormentò.
      Rimasi lì a vegliare, come fossero bimbi,
      quegli esserini ancor con gli occhi chiusi,
      tutto era passato,
      ma quel miracolo, dalla loro mamma,
      che dormiva tranquilla, mi era stato affidato.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Desiderio mancato

        Amor mio, desiderio mancato
        alle mie mani, al mio seno.
        Sogno mai realizzato,
        istinto naturale, voglia di esser mamma
        di un bimbo appena nato.
        Perché proprio a me signore
        non hai voluto far dono
        dell'odore di nenie e di latte,
        che avevo nel cuore.
        Chiudo gli occhi e sogno,
        spero ancora un giorno... ci sarai
        carezzerò il tuo viso
        e ti addormenterai,
        amore che non ho avuto mai.
        Vota la poesia: Commenta