Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

La quercia

La quercia, ormai autunno,
s'era scrollata tutte le su foje.
Dell'arbero de storia secolare
rimasero li rami tutti gnudi.
L'ucelli che quassù avean dimora,
passarno da una ann'antra pianta,
pe cercà riparo.
E l'arbero li supplicò,
mo m'avete lasciato!
M'avete dimenticato!
V'ho dato arbergo pe tutta la stagione,
me sento abbandonato.
L'ucello c'era a capo dello stormo, je disse:
ma vuoi che nun ritorno?
Mo che viè la bella stagione
E dovemo da fa li regazzini vedrai che confusione.
La quercia attese che er sole bontà sua
cominciò a scardar tutta la tera
la linfa nuova cominciò a salì
e tutto l'arbero de foje se coprì.
La quercia tutta se pavoneggiava,
nella sua folta chioma c'era er suo amico ucello che se la cantava.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    L'ultima rosa

    Nel giardino,
    ormai inverno alle porte,
    è tornata a fiorire un'ultima rosa,
    il bocciolo l'aveva riposto
    per mia meraviglia.
    Com'è triste ormai l'albero spoglio
    e senza colori
    ed il verde del prato,
    già spento da un rigido cielo,
    che plumbeo, ormai pioggia minaccia.
    Il mio sguardo si posa di nuovo
    sul fiore vermiglio,
    che timido aprirsi vorrebbe,
    ma il gelo pungente lo fa poi piegare,
    e muore ancor pria di sbocciare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      L'urtima dimora

      Quanno che hai lavorato tutta la vita,
      te fai li conti: la casa l'hai pagata,
      famiglia sistemata,
      tua moglie co la vecchiaia s'è carmata,
      e mo te stà a sentì.
      Nun hai pensato però che devi da morì,
      e ner frattempo te sei scordato,
      che la tomba nun te sei comperato.
      E sì perché er diritto t'è negato,
      puro lì devi da fa li conti.
      Me so messo na mattina controvoja,
      davanti all'ufficio addetto,
      mentre chiedevo li scongiuri ho fatto:
      c'è na tomba da poté comprà?
      Ma certo c'è rimasta l'exstralusso, loculo doppio,
      pe lei e pe la su moje,
      questo ve posso offrì, è troppo tardi,
      me deve solo dì in quanto tempo,
      me darà li sordi.
      Bè; jo risposto: visto che stò avanti co l'età
      me devo accontentà, cerchiamo de allungà,
      famme firmà, quanno che stò de là,
      avoja a chiamà, cor cacchio che te vengo a pagà.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Ho sparato

        Ho sparato...
        Mentre cantavi.
        Ho sparato...
        Mentre felice volteggiavi.
        Ho sparato...
        ed un tonfo ovattato sul prato,
        tra papaveri e margherite.
        Giuro, era la prima volta,
        ed ho raccolto quel fagottino di piume.
        Ho sparato...
        Ma ho rivolto gli occhi al cielo,
        chiedendo perdono;
        il mio cuore ha sussultato,
        quando ho sentito, nel nido, sul ramo,
        i pigolii dei tuoi figli,
        che hai lasciato,
        mentre felice cantavi...
        ed io ho sparato.
        Vota la poesia: Commenta