Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Paese pettegolo e bugiardo

Nun ce vojo passà più pe sto paese,
gretto e gnorante, pettegolo e bugiardo,
nun ce vojo più mette piede, manco pe sbajo.
Gente che da sola s'acclama
e fra de loro s'enfama, de tutto e de più.
Lingue cattive, stupide e invidiose
che si nun c'arriveno, rimangheno vojose.
Antichi parenti, come serpenti,
baci bugiardi, intrighi e vecchi rancori.
Come vorrei esse Nerone,
brucià tutto e soffià la cenere,
tanto porvere dovete da tornà.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Er gatto e la gattina

    Un gatto e na gattina, s'encontreno
    sur tetto de na vecchia casa,
    de notte co la luna.
    Se fa avanti la gatta, camminava sbilenca
    e ceca a n'occhio.
    Che hai fattò je chiede er gatto?
    Perché sei quercia e zoppa?
    Un fiore t'ho lasciato l'artra sera.
    Er gatto co cui vivo adesso,
    mentre stavamo ar mejo: zoccola m'ha chiamata
    e nella foga tutta m'ha sfregiata.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Carezze ardite

      E slacciò il corpetto,
      finemente ricamato
      da trine e merletto
      accettando le sue carezze,
      sempre più ardite.
      La bocca di ciliegie mature,
      e quanta cura nel tenere su i capelli,
      ma ormai sciolti sulle spalle
      che il vento scompiglia e raccoglie
      seguendo le sue voglie.
      Le mani incrociano desideri,
      incontrano i suoi turgidi seni,
      nessuno mai aveva osato tanto
      e percorrendo nuove strade,
      abbandonate remore,
      scivolano su morbide forme,
      assaporando amore,
      mentre tutto dorme.
      Veglia amore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La campana della pace

        L'eco di tua voce desiderio di pace,
        sarà posta sul fiume di ricordo vermiglio
        di vite ancor giovani immolate.
        In ogni dove, lacrime versate
        di guerre mai dimenticate.
        L'eco di tua voce desiderio d'amore
        con la mano sul cuore
        promessa mantenuta.
        Dei popoli tutti la sarà voce,
        nell'eco di ogni sera si levi la preghiera
        su per il cielo
        che l'aere la porti unita ai suoi rintocchi
        a quelli che non sono più.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Senza schemi

          Vorrei liberarmi da me,
          da quelle regole che mi sono imposta,
          da quella frusta,
          che continuamente ti sfinisce,
          ti distrugge i più bei sogni.
          Vietato infrangere certi schemi,
          chi è che ha imposto tutti questi problemi,
          chi è che ci ha legati, imbavagliati,
          relegati, dove sono i nostri veri pensieri.
          Tutta una farsa la vita,
          siamo tutti attori, siamo comparse, non autori
          marionette da far lavorare, ridere, pensare
          con movimenti orchestrati da grandi direttori,
          cos'è che ci farà cambiare
          forse un cambio radicale, cominciamo a pensare...
          Vota la poesia: Commenta