Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Ad Isabella dolce zitella

La voglia di sentirti pienamente donna
e la paura,
ancora in te è continua guerra,
non affrontare, è dura,
non calcolare,
sarà un'altra avventura?
Che vuoi che sia, lasciati andare,
non serve sia per sempre,
comincia ad amare,
si pensa sempre troppo
e si lascia stare,
per quanto vuoi negarti all'amore,
non hai paura d'invecchiare?
Ancora bella, dolce, seducente,
ma la paura di essere coinvolta,
di dare alla tua vita quella svolta
ti fa tremare, ti sconvolge la mente
sola nella tua stanza, rimani a pensare...
Vale la pena forse di tentare,
buttarsi e perdere la testa
oppure raccogliere i cocci della tua vita
e di quello che resta.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    La vendemmia

    S'alzò la gonna per salir sul carro,
    tra i cesti per raccoglier l'uva.
    Avea le cosce ben tornite
    e le labbra di vino saporite,
    coperta era di mosto,
    mentre l'uva pestava, tutta di sangue grondava,
    fin nel suo seno turgido, c'era uva vermiglia, una meraviglia.
    Da un gran calore l'aria fu pervasa,
    l'uomo che svuotava i tini, la guardava,
    e mosto e amore, complici nel cuore,
    un bacio ardente al calor del sole,
    tanta voglia di lei,
    poi non capì più niente,
    ma a sera si trovarono stretti in quell'abbraccio
    tra l'euforia del mosto profumato,
    non fu peccato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Sonotuttaundifetto

      Sonotuttaundifetto, chi l'avrebbe detto
      ma mi amo da morire,
      dovrei dimagrire,
      potrei meglio, le persone moleste, digerire
      ma non mi resta che continuare a vivere, subire
      e passare al resto.
      Sempre tardi per poter capire che c'è di peggio
      come morire,
      ma per me è presto.
      Sono sull'onda fortunata,
      sono sulla rima baciata,
      mi ritrovo a far follie
      perché di questa vita mi sono un po' scocciata.
      Cosa resta a me tuttaundifetto,
      prendermela comoda, non più di petto,
      le situazioni strane le lascio agli altri
      perché non voglio più intervenire,
      chi me lo fa fare,
      finalmente appagata, me la posso godere!
      Vota la poesia: Commenta