Scritta da: Anna De Santis

Svegliati, non dormire

Non avevo mai visto morire,
ero bambina, in riva al mare,
ricordo solo tanto sole.
Improvviso tra le onde,
s'ode un gemito, da lontano,
misto a un pianto, ed il grido di un gabbiano,
e di colpo il mio castello, appena finito,
fu distrutto, sparito,
da tante persone curiose, calpestato.
Io piccina, rimasi a guardare,
il mio sogno distrutto dal mare
e cominciai a piangere e a strillare,
sentivo solo correre, per soccorrere,
e le acque s'agitarono, e diventarono bianche,
riportarono a riva il corpo
di un bimbo già morto.
Incredula e disperata si avvicinò una donna,
non riusciva a parlare,
ripeteva sempre: me lo sogno ancora,
svegliati amore, ti prego non dormire.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Natale poverello

    Er foco ner vecchio camino,
    in tavola un bicchiere di vino,
    un arbero tutto spennato
    co du palle e un filo colorato.
    La tavola co na tovaja grossa,
    se copre er buco con na rosa rossa,
    ricamata alla mejo pe nun fa accorge niente.
    Quarche stella dar colore sbiadito,
    quarche dorce che è sempre gradito.
    Se prenne er servizio de piatti,
    dalla vecchia credenza,
    se sporvera alla mejo, nun se usava da Pasqua.
    E cor naso sui vetri appannati, a guardà de fori,
    li anziani genitori,
    aspettano la loro famija.
    Eccoli: genero, nipoti e fija,
    mo è festa.
    Magnamo, che tutto se fredda,
    la polenta cor profumo d'antico,
    er tacchino alla mejo farcito,
    è un Natale poverello, ma bello, bello, bello.
    Le castagne, che bone, e quei dorci da tempo riposti.
    È sera inortrata, la cena è finita,
    tra lacrime e abbracci... se torna a guardà dietro ai vetri.
    Quanno viene Natale? Startr'anno...
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Zio Pipo

      Quando tornavo dal collegio,
      dopo un anno di scuola,
      ricordi di dolcezza, profumo di salsedine,
      amore e tenerezza.
      Mio zio carissimo,
      mi hai insegnato a guardare il mare,
      oltre il suo confine,
      le nuvole ed il cielo,
      mi hai insegnato a pescare,
      e raccontavi favole di maghe e marinai.
      Umile come solo un grande, poteva essere
      bontà e pazienza, tue grandi virtù,
      un gran maestro mi aspettava.
      Mio caro Pipo, così io ti chiamavo,
      sei la mia torda tu mi rispondevi,
      ero il tuo uccellino gracile da nutrire,
      nel corpo e nello spirito.
      Artista e gran poeta, animo nobile,
      sicuro riferimento.
      Vorrei tu fossi ancora qui,
      sei stato tutto il tempo,
      il mio grande insegnante, di vita e sentimenti.
      Basterà questo fiore...
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Amore sublimato

        Avevo gli anni di chi non è niente,
        di chi risponde senza capire,
        di chi consigli non vuol sentire
        e si sente grande, grande da morire.
        Provare tutto il proibito,
        nonostante quello che ti punta il dito,
        non fare, non cadere, non avere fretta,
        ma al giusto non si dà mai retta.
        Ho voluto farmi male,
        con tanti sbagli, nonostante i consigli,
        e non ho avuto il coraggio di confessare
        quanto la delusione sa di sale.
        Ho voluto provare anche a far l'amore,
        amore sublimato,
        ma forse l'ansia della prima volta,
        amore deluso, in un attimo concluso.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La Costa Amalfitana

          'A perla cchiù bella ca all'Italia ce stà,
          è'a costa Amalfitana,
          tutto o munno ca ven e ca và.
          Nu profumo de zagare n'fiore,
          e nell'aria se sent l'ammore
          e tutta la gente alleramente,
          ca stà intu a stu Paravis.
          E lu mare ca iesce e po trase
          da rint a sti rocce,
          ca è blu comm a l'uocchi e na bella creatura,
          e abballan l'onn, ao vient, se chiaman e fronn,
          se sent l'addore int all'aria e cedri e purtuali.
          O sole ca sparge brillanti n'goppa all'acqua d'o mare,
          le barche cu e rezze, addò pesce esce e recresce
          e o nu cant antico e nu vecchio piscatore.
          Nu posto ca è chien e fiur e giardini,
          addò tutt se scorda,
          addò vita s'accorda cu musica e core
          è la costa cchiù bella, è comm a na rosa
          addò l'anema tutta s'apposa.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di