Scritta da: Anna De Santis

Dedicata a Liliana

Liliana, cugina di mio padre,
stava tanto male.
Una donna d'altri tempi,
forte, dignitosa,
semplice nei gesti e in ogni cosa.
Come sempre lei sapeva fare e dire,
con la saggezza di chi sa il giusto amare.
Ogni giorno da me passava per scambiare una parola,
a prendere due caffè amari,
a fare due chiacchiere con mia madre,
come vecchie comari.
Fino alla fine ti sei fatta forza,
e su quella sedia sei mancata,
una cara amica, anche, delicata,
per niente invadente,
la tua calma, ora, era solo apparente,
dentro portavi il tuo dolore,
non per la morte,
ma per il tempo che ti avrebbe dato
per vedere quel bimbo (il tuo primo nipote)
che di lì a poco sarebbe nato.
Questo il rimprovero al buon Dio che l'ha amata,
perché proprio a lei questa grande soddisfazione
non l'hai data?
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Maledetto bicchiere

    Un giorno cominciò l'inferno in questa casa,
    chiusa nella mia stanza, ero bambina,
    non mi sono resa conto,
    il mio papà aspettavo, in tavola era pronto,
    cenavo sempre con lui, mi teneva sulle sue ginocchia,
    mi copriva di baci e forte mi stringeva,
    il suo piccolo amore mi chiamava.
    Quella sera da solo strillava, contro mia madre, la picchiava,
    con le manine strette sulle orecchie, non volevo sentire,
    tutti quegli urli, volevo nascondermi e sparire.
    Ho avuto tanta paura,
    e volarono via tutti quei piatti
    che mamma aveva posto con cura,
    non era più lui, maledetto bicchiere,
    non riconoscevo quella voce, non era lui a strillare.
    Si accasciò finalmente sul divano
    e si addormentò.
    Mamma strinse la mia mano,
    piangendo mi disse: tutto passa amore
    vedrai domani, di nuovo è il tuo papà.
    Ma non si riusciva a controllare,
    l'aiutai a pulire la cucina ed arrivò mattina.
    Papà si svegliò, come non fosse successo niente,
    mi baciò, come faceva sempre
    ero tranquilla, ma incrociai gli occhi di mia madre
    ho visto il terrore... mentre si faceva sera.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Alla sora Lella

      Nun pensavo che n'avvessi scritti tanti de sonetti,
      so proprio carini, tutti l'ho letti,
      armeno ce capiamo tra de noi,
      che morti sentimenti sono affini.
      Semo du signore co la gioia ner core,
      (coreggi se sbajo)
      Ce volemo divertì dicenno ar monno come la pensamo,
      forse che ce sbajamo, ma assai ce cojemo.
      L'unica cosa che nun me va a genio
      E pecché ce l'hai tanto co sto governo,
      lassalo fà, tanto alla fine
      da quella matassa se dovrà sbrojà,
      a noi che semo arivati a quardà più in su
      de tutti sti broj che ce frega più,
      noi dovemo pensà ad annà avanti,
      che nissuno te viè a dà a magnà,
      se fregassero sti politici e tutti quanti.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Er core ballerino

        Mamma mia, m'hanno dato stà condanna,
        er core mio se stà a allargà
        e s'è messo a fa er ballerino.
        Se nun me curo m'ha detto er mio dottore,
        la malattia me se magna
        e a breve deo da sperà
        che ce sia un core novo da poté trapiantà.
        Ma comme se fa a pregà che n'antro crepi,
        pe te dà subito er suo core,
        solo a pensacce imprechi,
        e se fosse un tuo fijo,
        come te metti... come te lo metti?
        Sai che te dico a dottò,
        famolo funzionà finché c'è vita,
        io pe mia fortuna l'ho vissuta proprio bene,
        ce so tanti giovani che hanno bisogno,
        nun me va de approfittà,
        in fonno grazie a Dio ce so arrivato a ques'età.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Quanto ti ho aspettato mamma

          Col nasino schiacciato contro i vetri,
          ti stavo aspettare,
          poi tutto si appannava
          e non riuscivo a guardare.
          Mi avevi promesso che saresti venuta presto,
          ed io aspettavo coi i pugni chiusi,
          un giorno mi dovrai spiegare
          mai te lo chiesi,
          perché sono quì e mi hai dovuto lasciare
          a piangere e a gridare,
          anche tu piangevi, ma cos'altro potevi fare?
          Non ero io, della tua vita,
          la cosa più importante, il tuo grande amore?
          Me lo ripetevi sempre, stringendomi sul cuore.
          E non sei più venuta,
          tra le lacrime mi sono addormentata,
          come mai, nemmeno una telefonata...
          Cos'è che ti costringe a starmi lontano,
          sono cresciuta e purtroppo l'ho capito,
          dal troppo rossetto che ha macchiato il tuo viso,
          al sorriso che ormai s'è spento,
          dalla vergogna che hai nel guardarmi negli occhi
          dalla paura che hai quando mi tocchi.
          Mamma, non condanno te, ma questa società
          che nonostante le tue richieste,
          non ci ha dato nessuna possibilità.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di