Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

La valigia

Un viaggio, cambio la mia vita, con coraggio riempio la valigia
Metto cose per me preziose
cose che magari sembrano inutili
il tempo che mi è costato pensare e cercare di partire
un fiore che hai lasciato appassire
un profumo che è stato sempre difficile sentire
per quei momenti, sempre pochi che mi hai voluto regalare
eppure ti ho amato da morire
e quel mio aspettare dietro ai vetri appannati, cercando di capire
ora dormi, non voglio svegliarti, un ultimo bacio e potrei ripensare
meglio uscire dalla tua vita senza farmi sentire.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    per non dimenticare

    Il segno su ogni porta
    come fossimo carne da macello
    pronta ad essere scuoiati
    colpevoli solo di esser nati
    ammassati senza chiedere il nome
    con intere famiglie
    sopra camion sgangherati.
    Poi il treno, senza piangere e senza fermate
    il freddo intenso per intere giornate.
    poi le voci di soldati, senza capire
    la discesa dal treno
    Separati, questo forse il più grande dolore
    pronti a morire.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Io sono

      Sono un otre in cui Eolo rinchiuse il vento
      sono l'urlo che rimase in gola prima dello spavento
      sono quella nuvola piena di pioggia che da un fulmine aspetta d'essere colpita
      per liberarsi e piangere finalmente sulla sua vita.
      Sono la corda che viene tirata
      da uguali forze e mai caduta
      sono la sabbia che brucia al sole
      e non si riesce a tenere nelle mani quando si vuole.
      Sono la pietra che sempre hai lanciato
      colpendo lo specchio d'acqua come un disperato
      disegnando un cerchio che si è propagato.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Tu sei tango

        Dalla mia bocca alla tua... la mia rosa
        cresce il desiderio dove si posa
        la tua mano sul fianco scivola la passione
        poi stanco
        il tuo volto tirato quasi smunto
        per l'orgoglio provato
        le mie cosce avvinghiate, la mia pelle fa presa
        sulla musica e sul corpo e poi arresa
        e di nuovo la rosa prima appena in boccio
        poi si apre e colora...
        quella frase che aspetti tra le note di un tango
        ecco arrivo e poi ancora...
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Irene Ascolese

          Poesia

          Ansame'nto core
          poesia doce e appassionata
          puortame cu te
          sotto'o sole cucento
          p''e ritrovare st'anima insolente
          ca vò essere p''e forza malamente.

          Trasame'nto core
          canzona scunsulata.
          Poesia, ca rire strillata
          ma invece te sento affiatata
          poesia, ca chiagne disgraziata
          te faie ogni iurno sempe cchiù arraggiata.
          Composta giovedì 29 novembre 2012
          Vota la poesia: Commenta