Scritta da: Anna De Santis

Quasi sera

Improvviso il colore si offusca
e quel timido sole che pieno faceva quel cielo di luce
ora manda su nuvole ancora affannate
accennati bagliori.
In un attimo tutto si placa
e la luna si adegua
in un angolo in mezzo alle stelle
e nel buio sparisce il contorno del monte
e la sera si estende
e dà vita all'immenso dove il guardo si perde
e non trova misura.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Fragile

    In una lacrima tutta la mia rabbia
    il disagio che mi comporta viverti
    tu ostenti quella sicurezza
    che non ti lascia un attimo
    ormai non puoi gestire la mia vita
    come più ti piace, per questo datti pace
    perché più non ti sento.
    Passato è quel momento...
    in cui per te morivo
    questo nostro amore e la speranza
    che potesse essere meraviglioso
    mi rendeva forte e sbagliavo, è doloroso.
    Ora capisco che dovevo pensare a me
    senza consegnarmi nelle tue mani
    e riporre in te tutta la mia fragilità
    e quello che ne hai fatto approfittando, senza aiutarmi...
    Finalmente ho capito
    non bisogna mai confessarsi ad un altro
    la tua vita è un abisso che non puoi colmare
    nessuno mai è in grado di aiutare
    devi venirne fuori solo e non farti scoprire
    se non vuoi che gli altri si approfittino
    di questo momento di disagio
    bisogna darsi contegno, guardare avanti
    risollevarsi e camminare adagio.
    Anna De Santis
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Pazzia

      Sereno come sempre, solo una smorfia sul viso,
      nel vuoto guardavi, senza capire,
      seduto su una sedia con il tuo strano sorriso,
      avevi dato sfogo alla tua rabbia,
      e quella donna, dolce
      che amorevolmente ti assisteva,
      più non rispondeva.
      Tutto intorno sangue e disperazione,
      tu con quel tuo strano sorriso,
      guardavi senza alcuna emozione.
      Avevano fatto in tempo a dichiararti pazzo,
      non avevano ben valutato,
      ad un certo punto ti sei alzato, ti sei lavato,
      quel coltello tra le tue mani brillava
      e lo guardavi ancora,
      ti sei sentito un Dio, forse,
      almeno per un'ora.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Avrai tempo per piangere

        Avrai tempo per piangere,
        quando ti mancherò,
        mi chiamerai,
        ma sarò lontana
        dalle tue carezze,
        sarai lontano dalla mia tenerezza,
        non stringerai più la mia mano,
        che ti dava quella sicurezza.
        Ogni volta cercavi il mio respiro,
        ti mancava l'aria,
        e dolcemente appoggiavi le tue labbra
        sulle mie,
        riprendendo vita.
        Tutta te l'avrei regalata,
        pur di vederti felice.
        Ora so che stai male,
        non hai voluto ascoltare il mio cuore,
        sento le tue grida soffocate,
        pronunci il mio nome,
        ma non puoi parlare,
        io riesco a sentirti,
        non ti ho mai scordato,
        da quando te ne sei andato.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Sarà sempre

          Ora è tardi, devi andare
          sarà per sempre
          questo mio sperare
          averti mio
          e non dover partire.
          Lasci questo letto
          queste braccia
          che ti hanno tenuto stretto
          e manchi alla mia bocca
          alle mie carezze.
          Sei tu come acqua
          che ti toglie la sete
          e ti scivola via.
          Amore resto a guardare
          mentre ti vesti
          e non riesco a parlare
          il cuore si ferma un attimo
          quando mi dici... torno
          se non è domani...
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di